Quotidiani locali

atletica leggera 

Sacchi divora gli ostacoli e centra un nuovo primato

L’atleta del Cus scende sotto il muro dei 14 secondi e conquista la partecipazione agli Europei Under 18 in Ungheria. Nei 100 metri si impone Jacques Riparelli

TRIESTE. Una protagonista inattesa. Alla 7° Edizione del Meeting “Il Cavallo scende in Pista”, organizzato dalla Sportiamo e svoltosi alla Stadio Grezar, la copertina spetta alla portacolori del Cus Trieste Teresa Sacchi che sfodera un sontuoso crono di 13”82 sui 100hs. L'atleta classe 2001, che non gareggiava sulla distanza dalla scorsa stagione ed in questi mesi si era dedicata ai 100m dove vanta un 12”52 come miglior crono, si è letteralmente divorata gli ostacoli.

La Sacchi, grazie a questa prestazione cronometrica, ha demolito il proprio precedente primato personale di 14”73 e è scesa sotto il muro dei 14”00, standard di partecipazione per gli Europei Under 18 che si terranno a Gyor (Ungheria) dal 5 all'8 luglio. In Italia sono 6 le atlete, la Sacchi si è assestata al 3° posto delle graduatorie stagionali, che sono scese sotto i 14”00 e che si daranno battaglia la prossima settimana alla rassegna nazionale di categoria dove la cussina vorrà confermarsi e, magari, regalarsi un sogno. Ma l'evento, valido anche come 1° giornata dei campionati regionali juniores/ 2° Prova del Trofeo 5 Cerchi / 1° appuntamento del Trofeo Racewalking Four Race, ha offerto innumerevoli duelli al cardiopalma e prestazioni di valore. Nei 100m si è imposto con autorevolezza Jacques Riparelli (Aeronautica Militare) che con il crono di 10”38 ha prevalso su Luca Antonio Cassano (10”47), portacolori dell'Atletica Firenze Marathon Nella gara in rosa ha vinto Johanelis Herrera Abreu (Atletica Brescia 1950), capace di correre in 11”78. Hanno rispettato il pronostico della vigilia pure Osaremen Ozigbo e Bernarda Letnar. Il primo, nigeriano in forza all'Atletica Futura Roma, ha vinto i 400m con il crono di 47”19, non lontano dal primato personale di 47”02 mentre alla Letnar è bastato un lancio di 54,45 per vincere la prova del lancio del giavellotto. Infine nei 5000m maschili, l'olimpionico Abdoullah Bamoussa (Atletica Brugnera), grazie ad un ultimo giro irresistibile si è sbarazzato della compagnia del keniano Ronoh e del goriziano

Tripodi, vincendo in 14'36”27. Al femminile il duello in casa dell' Atletica Brugnera tra le etiopi Gedamnesh Yayeh (16'43”23) ed Addisalem Tegegn, si è risolto a favore di quest'ultima che ha anticipato la compagna sul filo dei centesimi (16'43”20).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro