Quotidiani locali

Perde ma mostra di aver carattere la “nuova” Pallanuoto Trieste

Battaglia agonistica nella piscina di Savona: gli alabardati soccombono 10-8, fatale il secondo quarto Contro la quarta forza dell’A1, confermato comunque il progresso della gestione Brazzatti

SAVONA. Sconfitta ma che carattere questa nuova Pallanuoto Trieste. I ragazzi del neotecnico Andrea Brazzatti hanno perso 10-8 (3-2, 4-1, 1-2, 2-3) sul difficile campo della Rari Nantes Savona al termine di una vera e propria battaglia agonistica. Già come dimostrato con il Bogliasco gli alabardati hanno dimostrato tanta più concentrazione e tanta più concretezza. Certo, è arrivata una sconfitta, ma onorevole contro quella che di fatto è la quarta forza del torneo con ben oltre il doppio dei punti che Trieste ha in classifica. Con un pizzico di maggior attenzione in più nel secondo quarto, quello che in effetti ha deciso la partita con il 4-1 in favore dei liguri, forse la formazione del presidente Samer avrebbe pure potuto portare a casa qualcosa. Trieste parte subito con il piede giusto sbloccando il risultato dopo 2'02” con il giovane Podgornik. Savona pareggia i conti 60” dopo con Ravina in azione di superiorità numerica. A 4'40” è capitan Giorgi, con l'uomo in più, a riportare avanti i suoi. Savona va in gol ancora in superiorità numerica con Damonte. Beffardo la terza dei ragazzi di Angelini che a 36” dalla sirena conquistando il primo vantaggio della partita con Teleki. Nella seconda frazione di gioco dopo 116” Petronio sigla il gol del 4-4. In neanche 4 minuti, però, Trieste si complica la vita offrendo un parziale di 3-0 che si rivelerà fatale. A referto per i padroni di casa vanno Colombo (superiorità numerica), Piombo e Ravina per un 7-3 devastante. Al cambio di campo gli alabardati rialzano la testa. Va in gol prima Petronio, con l'uomo in più, e poco dopo Blazevic. A -2 dagli avversari Trieste non riesce più a segnare incassando invece il gol di Milakovic su rigore che vale l'8-5. Negli ultimi otto minuti, dopo aver incassato un altro gol di Milakovic, la squadra di Brazzatti si rifà sotto con Mezzarobba e Gogov. A 3'59” va in gol Novara in superiorità numerica ma poco dopo Gogov trasforma un rigore del -2. Mancano ancora tre minuti per poter rimettere in sesto il match ma i due attacchi non segneranno più.

Finisce 10-8 per Savona, proiettata sempre più solidamente verso la final six. Per Trieste un ko ininfluente per la classifica ma che in realtà dà ancora fiducia all'ambiente in vista dei play-out. Sabato match importantissimo contro il Torino 81.

Riccardo Tosques

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro