Quotidiani locali

Chiellini: «Vincerà chi avrà più testa»

Sale la febbre per Juve-Napoli di domani allo Stadium. Il sindaco partenopeo De Magistris: «È il momento di superarsi»

TORINO . Sale la febbre per la gara che deciderà lo scudetto.

La Juventus non ha mai perso, da quando gioca nel suo Stadium, uno scontro diretto al vertice, e partendo da questa considerazione, si sente pronta a respingere l'assalto del Napoli. Sperando che Pjanic, assente per un problema muscolare a Crotone, sia al 100%. Oggi il bosniaco si è allenato in parte con il gruppo, l'ultima parola nella rifinitura di domani. Anche Mandzukic sembra pienamente recuperato dalla gastroenterite. Juve-Napoli, a 5 giornate dalla fine del campionato, con i bianconeri a +4, «sarà un passaggio importante ma non ancora definitivo - dice Giorgio Chiellini - L'attenzione sarà massima, soprattutto adesso che manca così poco -. Saranno decisivi gli episodi, ogni particolare può fare la differenza». Quando si affrontano le due squadre che hanno dominato il campionato, «l'equilibrio è tanto, serve la massima concentrazione, affidandosi più alla testa che alla tattica. Ma bisogna fare i complimenti al Napoli per la sua stagione straordinaria, per le vittorie a gennaio-febbraio in partite difficilissime«. Eppure l'errore più grande sarebbe considerare la partita l'ultimo capitolo di un romanzo avvincente: «Il campionato non finirà domenica prossima perché poi ci saranno altri match difficili». Se i dubbi per Allegri riguardano più la formazione e gli uomini impiegati che il modulo, con il 4-3-3 favorito d'obbligo vista l'efficacia dell'andata, Sarri potrebbe sorprendere i bianconeri schierando quattro attaccanti. Ipotesi che non convince Chiellini: «Credo che il Napoli giocherà col solito modulo, non credo che inizieranno la sfida con quattro attaccanti». Sarri invece pretende dai suoi uomini che non si facciano condizionare dallo stress. Ma non sarà facile, perchè gli azzurri sentono che non sarà una gara come le altre. Non a caso è stato calcolato che possa essere uno dei tre eventi calcistici più visti dell'anno sui media mondiali, insieme alla finale di Champions e a quella dei Mondiali in Russia. Alla partita dell'Allianz Stadium assisteranno tra 1,3 e 1,5 miliardi di persone, tra chi la guarderà in diretta e chi lo farà in differita. Sarà trasmessa da 31 broadcaster nei 5 continenti. Insomma per il calcio italiano si tratta davvero dell'evento dell'anno Sul fronte squadra Ghoulam, come da tabella di recupero personalizzata, si è allenato parzialmente con il gruppo. È facile immaginare, però, che il tecnico non abbia molti dubbi. Schiererà quelli che per tutta la stagione ha considerato i titolari e dunque Zielinski e Milik, i due titolari aggiuntì, partiranno dalla panchina pronti a intervenire durante la sfida. Il sindaco della città, Luigi De Magistris ha espresso il proprio rincrescimento per il fatto che alla gara non possano

assistere i sostenitori del Napoli residenti in città. «Adesso - ha concluso il sindaco - è il momento di vincere, lo dico da tifoso. È sì importante giocar bene e stare ai vertici, ma io ricordo l'87 quando il Napoli vinse lo scudetto, fu un giorno indimenticabile...».



TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori