Quotidiani locali

BASKET

A Roseto l'Alma torna alla vittoria in trasferta FOTO E CRONACA TWITTER

La squadra di Dalmasson si impone per 91-87

TRIESTE Dopo sei sconfitte consecutive fuori casa l'Alma torna a sorridere sul parquet di Roseto degli Abruzzi. La squadra di Dalmasson si impone per 91-87 una gara giocata sempre avanti ma messa in discussione nel finale contro l'ultima della classe. L'importante era comunque ritrovare la vittoria per uscire dal tunnel. In attacco buon apporto di Green (22) e Bowers (16) ma anche di Cavaliero e Loschi con 13 punti ciascuno.

Per tamponare l’assenza del Lobito, Dalmasson parte con Prandin in quintetto. Roseto, come anticipato alla vigilia, per mettere in difficoltà Trieste, prova già nella prima parte l’arma della zona ma è un ispirato Green a batterla. Per Javonte 12 punti nel quarto iniziale, spalleggiato da Bowers (7), con un attacco biancorosso che colpendo dal campo con il 71% firma uno dei parziali più produttivi dell’anno in esterna (28 punti). Il guaio è che quando nel secondo quarto i due Usa vengono richiamati in panca a rifiatare, l’Alma il canestro per cinque minuti buoni non lo vede proprio più, subendo la rimonta abruzzese (dal 22-31 al 31-32). Ci vuole in particolare il ritorno di Green per uscire dal tunnel nel quale Trieste si stava infilando. Ma capita anche che il migliore triestino in campo stavolta vesta la maglia sbagliata: Marco Contento è un iradiddio e affonda come una lama nella burrosa difesa biancorossa.

L’Alma ha appena iniziato la sua convalescenza, quando non entra il tiro da tre ricade nel vizio delle iniziative individuali, spesso tanto estermporanee quanto sterili (la miseria di 3 canestri dal campo in tutto il secondo parziale!). Non riuscendo a costruire un break di sostanza, trova sempre gli Sharks alle costole, accesi da una bomba di Contento per il 43-44 dell’intervallo. L’Alma mette più pressione in difesa e colpendo con la tripla di Bowers dilata il misero punto del 20’ al +10, l’incostanza riserva però l’immediato terzo fallo dello stesso Elbo nel rovesciamento di fronte.

Avete presente una bella partita? Ecco, è un’altra cosa...Trieste si carica di falli, per preservare gli Usa li richiama in panca, per fortuna ci pensa Cittadini con due canestri, di cui con libero aggiuntivo, e una bomba. Cavaliero, Loschi e un tecnico al coach avversario consentono ai biancorossi di consolidare il vantaggio sino al +14, limato poi dalla rabbiosa reazione di Contento. L’Alma ribadisce di essere ancora lontana dall’Alma migliore. In 100” appena subisce impietrita un 7-0 che riapre il match e la sola reazione è continuare a caricarsi di falli bruciando il bonus in tre minuti e ricadendo dei soliti, stucchevoli, errori. A metà del parziale conclusivo 75-78. Mentre gli Sharks si esaltano con Contento e Marulli, Trieste vede sulla porta del palaMaggetti gli spettri delle sei sconfitte esterne. E la faccenda si mette brutta assai quando Carlino prima punisce uno sciocco fallo di Green sulla linea da tre e poi piazza anche una bomba: 6-0 del paisà e Roseto avanti 86-85 a 100 secondi dalla fine. L’”arancia” scotta. Cavaliero sbaglia la tripla, Da Ros va molle a rimbalzo, palla agli Sharks che a loro volta sbagliano per due volte, possesso Alma con Bowers che corregge in tap-in un tiro di Cavaliero. Altra forzatura abruzzese, recupero di Green, fallo su Cavaliero che infila i liberi. Dall’altra parte fallo su Carlino che mette il primo personale fallendo il secondo per sperare in un rimbalzo dei suoi. Sul pallone plana però Green. I due liberi finali arrotondano la vittoria.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro