Quotidiani locali

Jadran, continua la serie-sì

C Gold: niente da fare per la Falconstar sul campo di San Vendemiano

SAN VENDEMIANO. Niente da fare per la Falconstar: San Vendemiano è troppo forte e Monfalcone torna a casa dal Veneto con una sconfitta sul groppone. La Rucker capolista vince 91-71 uscendo alla distanza, con la partita resta davvero in bilico solo per buona parte dei primi due quarti, prima che i padroni di casa cambiassero marcia e lasciassero indietro gli uomini di coach Tomasi. È vero che la fondamentale vittoria colta il turno precedente contro Jesolo, preziosissima in ottica qualificazione ai play off, aveva permesso alla Falconstar di scendere sul parquet di San Vendemiano senza troppe pressioni, ma sicuramente Colli e compagni avrebbero voluto provare a rendere la vita più difficile alla capolista, magari anche tentando lo sgambetto e facendo un colpo clamoroso per la classifica.

Non è andata così, anche se l'avvio è stato convincente, con Monfalcone che dopo 4 minuti di gioco aveva praticamente doppiato una Rucker piuttosto imprecisa al tiro, specie dalla distanza: un 5-10 che ha illuso, perché i veneti hanno ben presto trovato il modo di far male alla Falconstar che nella seconda parte del quarto praticamente non ha più segnato. Gli stranieri di San Vendemiano (Mediss e Wall) hanno guidato la rimonta e il sorpasso, e gli isontini sono andati al primo mini riposo sotto di sei (19-13). Senza capitan Pin Dal Pos, infortunato, la Rucker perde un po' di sicurezza, e Monfalcone con grinta resta negli scarichi dei padroni di casa, arrivando nuovamente a meno due (31-29) con Scutiero e l'unica tripla a segno di serata di Rorato, ma poi San Vendemiano piazza un nuovo parziale e si prende un po' di margine per il 41-33 di metà partita. Un punto di svolta, di non ritorno.

Perché alla ripresa delle ostilità la Rucker sgancia quattro “bombe” dalla distanza con Mediss, Tracchi e Mossi, e la Falconstar accusa il colpo precipitando fino a meno 15 malgrado i punti e la prestazione di Skerbec (24 per lui, il migliore assieme a Colli, autore di 20 punti). Monfalcone paga soprattutto la scarsa precisione al tiro, mentre di contro gli avversari nella seconda metà

di gara hanno iniziato ad infilare nel canestro praticamente ogni pallone. Specie da lontano. Così la Sanve può iniziare avanti di 20 (71-51) il rettilineo finale degli ultimi dieci minuti, e il divario non cambia più fino al 91-71 dell'ultima sirena.

Marco Bisiach

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro