Quotidiani locali

L’Oma-Emt supera il Sarcedo al fotofinish

Serie B donne, a Castelletto la palma di match-winner. Sgt Omnia Costruzioni cede a Bolzano

TRIESTE. Vittoria al fotofinish per l’Oma Emt, che supera Sarcedo 47-46 (10-6, 23-22, 41-34) in una tosta sfida diretta e riavvicina il quarto posto sinonimo di play-off, ora distante due soli punti. Polveri bagnate in avvio per entrambe le squadre, che poi provano senza esito a scappare con alcuni strappi prima dell’intervallo. Sarcedo allunga a +5 al rientro dagli spogliatoi ma l’Emt pesca finalmente alcune triple, e al resto ci pensano 5 punti di fila di Sacchi. Il massimo vantaggio (43-34) della squadra di Jogan non basterà ancora: le vicentine rimontano fino a -1, poi Policastro potrebbe allontanarle dalla lunetta a 12” dalla fine ma il suo 0/2 si tramuta nel contropiede che Sarcedo sfrutta per segnare con Colombo (45-46) e subire fallo. Il tiro aggiuntivo non entra e Castelletto in 6” cattura il rimbalzo, si lancia nell’opposta metà campo e conclude con un arresto e tiro vincente. A Castelletto va la palma di match-winner, mentre all’onnipresente Abrami quella di Mvp. Emt: Milic 6, Castelletto 11, Filippas 6, Abrami 8, Samez, Sacchi 10, A. Policastro 6, C. Manin, Tiberio, Cattaruzza, Tence, Sodomaco ne. La Sgt Omnia Costruzioni cede a Bolzano alla neo capolista ora affiancata all’Interclub Muggia (che osservava il turno di riposo). Il punteggio di 62-54 (12-16, 27-30, 41-36) suggerirebbe una resa onorevole per le triestine, ma coach Longhin può recriminare perché certi treni vanno presi al volo e i complimenti degli avversari non bastano. La Sgt conduce con merito nei primi 20’, toccando il +10. Con una bomba sulla sirena Bolzano risale a -3 al riposo e prepara il suo assalto, con una difesa più fisica che oscura la via del canestro alle biancocelesti per oltre 6’. Non aiuta il computo dei falli (5-17), eppure le ospiti recuperano dalla doppia cifra di ritardo fino al -5 con cui parte l’ultima frazione: le chances per rientrare ci sarebbero ma la Sgt non le sfrutta, buttando alcuni palloni. In attacco le lunghe Rosin e Tonsa brillano mentre le guardie incidono poco, e per Bolzano è più agevole blindare il risultato. Sgt: Zacchigna 2, Prodan 3, Vesnaver 2, Zudetich ne, Valeri 4, Puzzer 2, Città 5, Rosin 19, Riccio 2, Tonsa 8, Nardella 7, Gelleti. Con l’importante vittoria a Casarsa in chiave salvezza 48-50 (14-17, 28-22, 38-37) l’Abf Monfalcone risponde nel miglior modo al responso medico che ha sancito la chiusura del torneo (causa rottura del legamento di un ginocchio)

per la top scorer stagionale Rosati. Dopo aver accusato un break nel secondo quarto l’Abf stringe la difesa e annulla il gap, facendosi trovare pronta a rimbalzo offensivo e dalla lunetta nel finale. Toniutti e Quargnal si spartiscono 14 punti a testa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro