Quotidiani locali

Pallamano  

Trieste-Siracusa è un tuffo nella storia

Ritorna sabato a Chiarbola nella prima giornata della poule promozione un confronto ricco di tradizione

TRIESTE. Appuntamento con la storia per la Principe che sabato alle 18.30, a Chiarbola, ritrova Siracusa sulla sua strada.

L'avversaria di tante battaglie, quella contro cui tra la fine degli anni ’80 e l'inizio degli anni ’90 Trieste giocò molte delle sue finali scudetto, torna a confrontarsi con i colori biancorossi nella prima giornata della poule promozione.

Il ricordo va alla vecchia Ortigia ma il presente parla di una nuova società ricostruita dopo anni di crisi. Siracusa è ripartita trovando nella squadra oggi guidata dal tecnico Vinci la possibilità di portare avanti una lunga tradizione. E dopo il terzo posto conquistato nel girone Sud dietro a Conversano e Fasano, la compagine siciliana punta decisa a far bene nella poule promozione, centrando uno dei primi tre posti e guadagnando l'accesso al girone unico della prossima stagione.

Intanto la Principe è tornata in palestra dopo la lunga (quanto a chilometri) parentesi nelle final eight di coppa Italia a Conversano. Tre giorni intensi, una vetrina che ha consentito a Giorgio Oveglia di mettere in mostra i tanti giovani entrati a far parte stabilmente della rosa biancorossa. Le sconfitte nei quarti contro Conversano e nel gironcino di consolazione contro Fasano non hanno lasciato il segno, e Trieste riparte dal successo nell'ultimo match contro Cingoli, che ha restituito al tecnico Oveglia una Principe al completo. Una sola assenza, ancorché pesante, nell'organico biancorosso è quella del pivot Alex Pernic che si è sottoposto a un intervento chirurgico per la riduzione di una frattura alla mano. Un mese di gesso, poi il ritorno in campo che dovrebbe avvenire in tempi ragionevolmente brevi. In attesa del pivot, tra i migliori per rendimento in questa stagione, Trieste si affida a un organico impegnato a reggere i ritmi serrati di una stagione impegnativa. In questo senso fonamentale il recupero di Crespo Diego il terzino spagnolo rientrato in Puglia proprio nell'ultima gara di coppa. Sessanta minuti contro Cingoli per ritrovare la necessaria confidenza con il campo e riassaporare il clima agonistico della partita. Assieme a Crespo Diego e ai tanti giovani, saranno Udovicic, Sandrin e Visintin sulla linea dei terzini, Di Nardo in pivot, Capanese e Muran sulle

ali e Modrusan tra i pali a difendere i colori biancorossi.

La prima giornata propone anche Bressanone-Fondi (sfida tra quarte dei gironi Nord e Sud) e Cologne-Padova, squadre che arrivano alla poule promozione direttamente dal girone centrale.

Lorenzo Gatto

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro