Quotidiani locali

Vai alla pagina su Triestina calcio
La Triestina  pesca il jolly: da Foggia arriva Coletti

Triestina

calcio serie c 

La Triestina pesca il jolly: da Foggia arriva Coletti

Chiuso il mercato con l’ingaggio di un esperto difensore-mediano svincolato

TRIESTE. Una giornata convulsa e concitata, come da tradizione quella finale del calciomercato invernale. Ieri di nomi avvicinati alla Triestina ce ne sono stati moltissimi durante la giornata, del resto Mauro Milanese è stato impegnato all’Hotel Melìà a Milano pomeriggio e sera, ma molte trattative, come sempre capita, sono saltate in corso d’opera.

Alla fine, l’unico nome nuovo uscito dall’ultima giornata è quello di Tommaso Coletti, 33 anni, un jolly eclettico che fa dell'agonismo la sua arma migliore. Reduce dalla serie B, Coletti è capace di giocare difensore centrale, come è capitato negli ultimi anni, ma che nasce come centrocampista centrale, in pratica un mediano interditore, una bandiera a Foggia dove era molto amato dalla tifoseria. E proprio in quest’ultimo ruolo sembra possa essere utilizzato principalmente dall’Unione, visto che sono queste le sue caratteristiche apprezzate di più anche da mister Sannino. Al momento si tratta comunque di un accordo verbale, il giocatore è infatti svincolato e pertanto l’accordo può essere perfezionato anche al di fuori della finestra di mercato, probabilmente già oggi.

Davvero notevole l’esperienza di Coletti in serie C: ha iniziato a giocarvi nel 2005 col Martina Franca, poi Foggia, Pescara, Cosenza, Andria, Pergocrema e Teramo. Quindi il salto fra i cadetti con il Brescia, poi il ritorno in C con Matera e quindi ancora Foggia, squadra con la quale ha guadagnato la scorsa stagione la promozione in B. Quest’anno per lui con i rossoneri pugliesi 13 presenze fra i cadetti.

Al ritorno dopo la pausa invernale però, una volta appurato che i nuovi acquisti del Foggia gli avrebbero tolto spazio, ha deciso di guardarsi attorno. Da qui lo svincolo. Ma come detto la giornata era stata ricca di trattative. In giornata la Triestina era stata vicinissima alla mezzala Ivan Varone della Ternana, che sembrava in uscita dalla squadra umbra e che piaceva molto a Milanese. L’esonero del tecnico Pochesci ha però cambiato le carte in tavola, e il nuovo mister della Ternana Mariani ha deciso di tenere Varone in rosa.

Ma nelle convulse ore di fine mercato  erano spuntati anche molti altri nomi, tutti di centrocampisti, da Caccetta del Catania a Pederzoli del Piacenza, da Giandonato del Livorno a Lazzari del Fano. A un certo punto sembrava anche in fase avanzata uno scambio con la Sambenedettese: nelle Marche sarebbe andato Meduri e a Trieste sarebbe arrivato lo sloveno Armin Bacinovic, ex Palermo. Ma anche qui poi non se ne è fatto nulla. Milanese ha trovato porte chiuse.

In precedenza la società alabardata aveva tentato anche qualche mossa in attacco, puntando sul bomber Mario Fontanella che gioca in Malta, ne La Floriana, ma lo scambio con Pozzebon non è andato in porto. Poteva essere un’idea per rinfrozare la prima linea. Insomma la Triestina aggrega un altro prezioso rinforzo di esperienza in rosa, occupando l’ultimo slot libero degli over.

Ma non esce nessuno, cosa che rende la rosa sicuramente folta e, si spera, capace anche di far fronte a eventuali infortuni. Se l’accordo con Coletti sarà ufficializzato, sarà il settimo nuovo arrivo di questo gennaio, dopo i difensori Lambrughi e Bajic, il portiere Miori (che ha già fatto da titolare le prime due partite e si giocherà posto con Boccanera). Il giovane Maesano, un baby di buone speranze come Bellati, e un’altra preziosa pedina di centrocampo come Finazzi che dovrebbe portare un po’ di qualità nella zona nevralgica del campo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro