Quotidiani locali

Gradisca si consola tenendosi stretta la seconda posizione

GRADISCA D’ISONZO. Ci sono pareggi e pareggi: quello maturato fra due big del campionato di Promozione come Ism Gradisca e Cervignano è tutto sommato un punto per entrambe le contendenti che hanno...

GRADISCA D’ISONZO. Ci sono pareggi e pareggi: quello maturato fra due big del campionato di Promozione come Ism Gradisca e Cervignano è tutto sommato un punto per entrambe le contendenti che hanno dimostrato di essere due fra le formazioni più attrezzate - marziana Pro Gorizia a parte - del torneo.

Certo, se c'è una squadra che esce maggiormente con l'amaro in bocca dalla sfida del "Colaussi" è certamente quella isontina. Vuoi perché, occasioni da rete alla mano, è quella che ha confezionato qualcosa in più, vuoi perché l'intera posta in palio è sfumata ad appena 10' dal termine per Campanella e soci. Analisi condivisa a fine partita dal trainer di casa, Giuliano Zoratti, che però non se la sente più di tanto di bacchettare i suoi.

«Il pareggio tutto sommato è il risultato più giusto, maturato fra due formazioni che si rispettavano e si temevano. È vero che specie nella prima frazione è stato un match piuttosto tattico e di occasioni da rete se ne sono viste poche. Meglio noi nella ripresa, quando siamo riusciti maggiormente a prendere le misure ed alzare i ritmi. Purtroppo però non siamo riusciti a chiuderla e alla fine è scaturito lo sfortunato episodio del rigore che ha rimesso il risultato in parità».

Di indicazioni positive, comunque, ve ne sono per la compagine biancoblù. La tenuta difensiva pare decisamente in crescita, sia come reparto che come movimenti di squadra. La mediana, già impreziosita dal talento di Sirach e Quattrone, si giova di un Kalin che sta ritrovando condizione e benzina nelle gambe dopo il lungo stop; davanti Campanella e Sangiovanni, che a lungo hanno tirato la carretta nel girone d'andata, si giovano delle "sportellate" che Monnels va a fare per conto loro nelle retroguardie avversarie. Il gigante lettone ha trovato ancora il gol e questa è un'importante iniezione di fiducia.

«Il pari con la Pro Cervignano ci può stare - conclude sereno Zoratti -: i risultati particolari degli altri campi ci confermano al secondo posto, anzi lo rafforzano, e questo deve darci la motivazione per continuare a lavorare con "fame". Il nostro obiettivo rimane quello dei play-off e null'altro che quello-Zoratti elude ogni velleità di rompere le

uova nel paniere alla Pro Gorizia - ma se vogliamo farci trovare pronti agli spareggi dovremo crescere notevolmente in termine di personalità e gestione della gara. In questo senso il pari di domenica mi sta bene: deve servirci di lezione per il futuro».

Luigi Murciano

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon