Quotidiani locali

Pro, arriva il Trieste Calcio per allungare sempre più

Il presidente Mosetti: «Non dobbiamo sottovalutare la squadra avversaria ma per noi questa è la seconda delle quindici finali di questo girone di ritorno»

GORIZIA. La teoria e la carta, ovvero il calendario, dicono che per la Pro Gorizia potrebbe essere la giornata di un nuovo allungo. L'occasione buona per dare un ulteriore strattone, là davanti, alla classifica del girone B di Promozione. L'esperienza e il campo però suggeriscono che le insidie, per la capolista, saranno tantissime anche questo fine settimana. Perché domenica la Pro sarà di scena davanti al suo pubblico, al “Bearzot” contro il Trieste Calcio, mentre due delle principali inseguitrici, Ism Gradisca e Pro Cervignano, si affronteranno fra loro e dunque per forza di cose non potranno vincere entrambe.

Eppure a Gorizia non vogliono sottovalutare l'impegno, e tengono alta la tensione in vista di quella che il presidente Giulio Mosetti definisce «la seconda delle quindici finali di questo girone di ritorno». «È innegabile che guardando al calendario questa partita può rappresentare per noi l'opportunità di mettere un altro mattone sul muro della fuga – dice il numero uno biancazzurro -, però come spesso accade nel calcio credo che giocare in casa contro una formazione che al momento non occupa le posizioni di vertice rappresenti un'incognita forse maggiore rispetto a quella che potrebbe offrire uno scontro diretto d'alta classifica. Ecco perché se il pronostico ci vede grandi favoriti, noi invece dovremo fare ancor più attenzione: il Trieste Calcio è una formazione di valore, che ha costruito le sue fortune soprattutto in casa, ma che in trasferta ha davvero poco da perdere e proverà a farci lo sgambetto».

Uno sgambetto peraltro già riuscito all'andata, quando a sorpresa proprio i triestini, seppur davanti al loro pubblico, fermarono sul 2-2 la corsa della Pro Gorizia, regalandole il primo mezzo dispiacere della stagione. Coceani e i suoi ragazzi vogliono evitare di riprovare le sensazioni di quella domenica amara, e cercheranno fin da subito la vittoria. Unico assente sicuro dovrebbe essere Klun, prossimo all'intervento al menisco, mentre Hoti rientra dalla squalifica e pure Cerne potrebbe essere convocato.

«La squadra è molto concentrata, e ho visto un bel clima nel gruppo – commenta il presidente Mosetti -. Il nostro momento, al di là della sconfitta in Coppa, è molto positivo, ed il merito

è tanto dei ragazzi e del tecnico quanto della società, con il direttore sportivo Inglese che ha fatto e sta facendo un lavoro egregio nella costruzione di un gruppo di grande valore. Un lavoro che vogliamo proseguire tutti assieme con lui a lungo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon