Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Tergeste protagonista anche senza casa

Hockey inline, la società triestina vanta un ricco vivaio ma non un proprio impianto

TRIESTE. L'inaspettato cambio di allenatore, il mirabolante primo posto in classifica, l'eterna lotta per avere un proprio campo di gioco. È un inizio di campionato ricco di spunti quello che sta interessando la Tergeste, l'unica società triestina di hockey inline impegnata in un campionato nazionale senior.

Il sodalizio presieduto da Mike Angeli è attualmente al primo posto del girone B del campionato di serie B-C con quattro vittorie in altrettanti incontri: la strada verso i play-off promozione è però ancora molto lunga. Di sicuro la società alabardata ha incontrato non poche difficoltà. A partire dall'allenatore. L'ingaggio annunciato in estate dello statunitense Nick Walker non si è mai concretizzato per un improvviso problema fisico del giovane coach. In fretta e furia Angeli è comunque riuscito a coinvolgere Carson Jenkin, allenatore canadese che si è subito imposto con la propria filosofia del coinvolgere tutto il roster durante le partite, dando dunque spazio anche ai giovanissimi. Una squadra tutta triestina con unico “straniero”: il veterano ronchese Michele Poloni.

L'obbiettivo dichiarato del sodalizio è far tornare Trieste in serie A. Ma rimane l'incognita dell’impianto di gioco. «Anche per questa stagione siamo costretti a giocare le partite in casa al PalaFoschiatti. La nostra struttura, il PalaJolly, non è infatti in grado di ospitare la serie B per vari motivi: illuminazione insufficiente, balaustre inadeguate alla sicurezza degli atleti in campo, pavimentazione da rifare e telo di copertura da sostituire visto che quando piove l'acqua arriva all'interno della struttura», racconta Angeli.

Il sodalizio ha inoltre firmato un accordo di collaborazione con una giovane squadra approdata quest'anno in serie A, il Real Torino. «Già nella passata stagione con il Real avevamo dato in utilizzo di categoria per il campionato Under 18 Elite il nostro Nicholas Angeli. La squadra piemontese ha vinto il campionato italiano di categoria e ha partecipato al torneo internazionale Spartacup Kids a Igualada (Barcellona) vincendo anche questo torneo» spiega il presidente della Tergeste. Attualmente Angeli milita anche nella squadra Under 20 torinese. Nella squadra di serie A, invece, oltre ad Angeli, ha fatto il suo debutto anche il portiere triestino Lorenzo Biason, giocando e contribuendo all'ultima vittoria contro i Ghosts Padova.

Dietro ai giocatori della prima squadra del club triestino intanto crescono i ragazzi dell'under 10, 12, 14 e 16. «Nel Friuli Venezia Giulia siamo la società di hockey con il maggior numero di atleti, oltre 60. Purtroppo però - conclude Angeli - siamo costretti a far allenare i più giovani in orari non consoni, ossia dopo le 18, perché non abbiamo una struttura nostra a disposizione. Siamo in crescita ma senza una nostra casa dove poter seriamente ospitare i nostri hockeysti».

Riccardo Tosques