Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Questa Volvo Ocean Race esperienza tutta da vivere»

Un bel sorriso di Francesca Clapcich a bordo di Turn the Tide on Plastic

Parla la triestina Francesca Clapcich al via della tappa Melbourne-Hong Kong. «Emozioni straordinarie in condizioni spesso al limite in un equipaggio di amici» 

TRIESTE «È vero: quella pizza non aveva per niente un ottimo aspetto. Anzi: ammetto che era davvero terribile. Però in quel momento per me era buonissima. Era la pizza più buona del mondo».

La velista triestina Francesca Clapcich al termine della terza tappa della Volvo Ocean Race (che lei sta facendo impegnata nell’equipaggio di Turn the Tide on Plastic, unica italiana della flotta assieme ad Alberto Bolzan, di Romans d’Isonzo, imbarcato su Team Brunel), la terribile Città del Capo-Melbourne ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TRIESTE «È vero: quella pizza non aveva per niente un ottimo aspetto. Anzi: ammetto che era davvero terribile. Però in quel momento per me era buonissima. Era la pizza più buona del mondo».

La velista triestina Francesca Clapcich al termine della terza tappa della Volvo Ocean Race (che lei sta facendo impegnata nell’equipaggio di Turn the Tide on Plastic, unica italiana della flotta assieme ad Alberto Bolzan, di Romans d’Isonzo, imbarcato su Team Brunel), la terribile Città del Capo-Melbourne, percorsa lungo la linea dei ghiacci, negli Oceani Meridionali, lo aveva confessato in maniera esplicita. «Sogno una doccia, un letto e una... pizza». Detto, fatto. La pizza le era stata fatta consegnare in banchina. E al di là del fatto di essere una pizza “australiana”, per lei, in quel momento, è stato davvero il regalo più bello (e gustoso) che mai poteva ricevere.

Un’immagine che bene illustra le condizioni alla Volvo Ocean Race


In situazioni simili decisivo è il clima che si respira a bordo e su Turn the Tide lo spirito è sempre stato quello giusto, come testimoniato anche dalle fotografie e dai video inviati dal “reporter on board”. «È vero, il team è straordinario. Ho vissuto il Natale a bordo e questo è stato uno dei pochissimi Natali della mia vita che non ho trascorso in famiglia. Ebbene, posso dire che il Natale in barca, con la nostra skipper Dee Caffari e questi ragazzi, è stato come un Natale vissuto a casa. Del resto, in barca, e soprattutto in queste condizioni, non si bluffa: a ci si ama, o ci si odia. E noi ci amiamo davvero. Anche quando arriviamo in porto, poi trascorriamo ogni momento di relax tutti assieme. E questo è davvero bellissimo».

E questo spirito si sta iniziando a riflettere anche nei risultati. Certo, Turn the Tide è ancora ultima nella classifica generale e al traguardo di Melbourne è giunta sesta nella flotta di sette partecipanti. Ma è sempre lì, a giocarsela fino alla fine per il quinto posto, in questo caso cedendo per appena 2 ore e 46 minuti a Scallywag: dopo quindici giorni di navigazione è davvero un niente. «Sì, ce la giochiamo, la lotta con Scallywag è bella tosta e in fondo anche Team Brunel (quarto di tappa e quarto nella generale, ndr) non è lontanissimo. Durante questa terza tappa non eravamo certo in condizione di competere con Mapfre o DongFeng, ragion per cui abbiamo anche scelto una rotta più a Nord che ci ha permesso di navigare in condizioni di maggiore sicurezza. Una scelta difficile da prendere ma dettata dal fatto che siamo un equipaggio giovane e poco esperto. In ogni caso abbiamo viaggiato con vento sostenuto, costante spesso a 45, 46 nodi. E non abbiamo riportato problemi a bordo, come capitato ad altri equipaggi, e anche questo è stato assolutamente importante».

Adesso la Volvo Ocean Race è attesa dalla rotta equatoriale che porta a Hong Kong. «Una tappa equatoriale, per molti versi simile alla seconda tappa già disputata, la Lisbona-Città del Capo. Certo, avrà condizioni assai diverse rispetto a quella negli Oceani Meridionali, ma attenzione, perché comunque la partenza di questa prossima tappa si annuncia molto ventosa e quindi sarà bella combattuta con tanti cambi di vele. Ci sarà da divertirsi...»