Quotidiani locali

Il “Mundialito” è sempre più internazionale

Calcio maschile e femminile e calcio a 5 maschile: saranno 29 le Nazionali under in lizza a Gradisca

GRADISCA D’ISONZO. Sempre più “Mundialito”, sempre più trasfrontaliero. E, soprattutto, sempre più grande. Continua a crescere il Torneo delle Nazioni di Gradisca d’Isonzo. E allarga i suoi confini: oltre alla kermesse maschile tradizionalmente dedicata alle nazionali Under 15 – che sale a 16 squadre partecipanti – continua l’avventura del torneo “rosa” dedicato alle nazionali femminili under 17 e debutta una nuova disciplina, il calcio a 5. In totale, dunque, ben 28 squadre ai nastri di partenza: è record. Una ventina i campi da gioco coinvolti con un comitato organizzatore transfrontaliero che opera su Italia, Slovenia e Austria.

Il Torneo delle Nazioni negli ultimi anni ha svelato in maglia azzurra il milanista Donnarumma, lo juventino (ora in prestito al Verona) Kean o il genoano Pellegri, questi ultimi i primi nati post 2000 a debuttare in serie A. Nato quasi come una sorta di “fratello minore” del Torneo internazionale allievi Nereo Rocco, il Torneo delle Nazioni, che giunge alla 15.ma edizione, è diventato in breve una delle vetrine per antonomasia del calcio giovanile mondiale. Ma è anche una manifestazione che vuole andare oltre il mero aspetto agonistico, portando con sé un messaggio di fratellanza e dialogo fra i popoli. Organizzato dall’Asd Tornei ed Eventi Internazionali con il patrocinio di Coni e Figc nazionali, e di altri enti quale Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Gradisca, Camera di Commercio, Fondazione Carigo e sponsor privati, l’evento si svolgerà nella sua tradizionale collocazione dal 24 aprile al primo maggio.

«Siamo soddisfatti in quanto l’edizione 2018 del Torneo delle Nazioni mantiene contenuti tecnici importanti e al tempo stesso apre nuovi orizzonti – commenta il presidente del Comitato organizzatore, Nicola Tommasini -. Il torneo maschile è stato esteso a 16 squadre, mentre sul fronte femminile pur rimanendo a 8 nazionali partecipanti in questa terza edizione vi sono diverse novità, fra cui le partecipazioni di Giappone e Norvegia che tengono alto il livello tecnico».

Ma la grande novità è l’apertura al Futsal Under 18: ospiterà significativamente nazioni coinvolte nel primo conflitto mondiale. «Visto che nel 2019 ci sarà il primo Europeo U19 dedicato a questa disciplina, il Torneo Delle Nazioni sarà un importante banco di prova per le squadre che l’anno successivo si affronteranno alla kermesse continentale – spiega Tommasini -. Da subito questa nostra idea ha riscosso molto interesse: i quattro posti disponibili sono stati aggiudicati in un baleno».

In totale sui campi di tutta l’Alpe Adria si giocheranno 60 partite: 40 per il maschile, 16 per il femminile e 4 per il futsal. Importante anche l’aspetto extra-sportivo. Nel torneo maschile la partecipazione della nazionale libica e il ritorno della rappresentativa iraniana in quello femminile – indimenticabile l’incontro delle ragazze persiane contro gli Usa, due anni fa – portano con sé un messaggio di pace e dialogo fra i popoli che non necessita di troppe spiegazioni. Il Mundialito fra l’altro rientrerà nei programmi delle celebrazioni della fine della prima guerra mondiale e il 28 aprile, durante il giorno di riposo del torneo maschile, tutte le 16 squadre maschili parteciperanno ad una cerimonia al sacrario di Redipuglia alla presenza dei presidenti delle federazioni che parteciperanno al torneo.

Torneo maschile U15 Italia, Usa, Libia, Croazia, Inghilterra, Giappone, Emirati Arabi, Repubblica Ceca, Slovenia,
Russia, Messico, Romania, Austria, Portogallo, Norvegia, Costarica.

Torneo femminile U17 Italia, Slovenia, Usa, Iran, Giappone, Inghilterra, Russia, Norvegia.

Torneo calcio a 5 U18 Italia, Ungheria, Slovenia, Francia.

Luigi Murciano

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro