Quotidiani locali

Vai alla pagina su Triestina calcio
La Triestina a Reggio con la difesa a pezzi

Triestina

calcio

La Triestina a Reggio con la difesa a pezzi

Oltre ad Aquaro out anche Grillo. Posizione arretrata per Meduri?

TRIESTE . Alla Triestina servirà tanto cuore, grande concentrazione e abnegazione totale per uscire dall’ultimo impegno del 2017 con qualche punto. Perché è indubbio che questa trasferta a Reggio Emilia (oggi al Mapei Stadium-Città del Tricolore calcio d’inizio alle ore 18.30, arbitra De Santis di Lecce) non è nata certamente sotto una buona stella per l’Unione. Ultima grana quella del diluvio di ieri mattina che ha impedito l’allenamento al Rocco, location prevista per la seduta. Solo video e lavoro in palestra per gli alabardati, che non è mai uguale a quello sul campo (ma stamane ci sarà tempo a Reggio Emilia per un risveglio muscolare). Gli altri problemi (piuttosto grossi) riguardano una difesa ridotta ai minimi termini, mai così all’osso.

leggi anche:

Da tempo la squadra di Sannino va avanti con solo due difensori centrali, Codromaz ed El Hasni, ma quest’ultimo oggi è squalificato. Si pensava a un rientro di Aquaro, ma il capitano non è stato nemmeno convocato e si preferisce non rischiarlo e sfruttare piuttosto la lunga pausa di 20 giorni per averlo al meglio. Stesso discorso anche per Mori: alla ripresa dovrebbe esserci anche lui. Ulteriore tegola dell’ultimo momento, il forfait di Grillo, anche lui acciaccato. Senza dimenticare gli altri infortunati di lungo corso Troiani, Castiglia e Hidalgo, oltre ovviamente alla squalifica di El Hasni. Insomma situazione da totale emergenza, soprattutto in difesa, al cospetto di una squadra top come la Reggiana. Come risolverà la situazione Sannino? Se i terzini sono certi (Libutti a destra e Pizzul a sinistra), il rebus è chi giocherà accanto a Codromaz: l’unico giocatore di ruolo è il giovane Brandmayr e potrebbe anche essere arrivato il suo turno, ma certo aggiungere un classe 1999 a una difesa che già schiererà un altro 1999, un 1995 e un 1997, forse è un po’ azzardato.

C’è dunque anche l’idea di arretrare un centrocampista centrale: l’esperimento Porcari, seppur in una linea a tre, non era andato bene in Coppa Italia a Padova, per cui ha preso quota anche la soluzione Meduri. Difficile azzardare cosa succederà, bisognerà aspettare la formazione ufficiale. Per il resto del centrocampo, tutto dipende ovviamente dalla scelta in difesa: con Brandmayr ci sarebbero Porcari, Meduri e Bracaletti. Se Porcari o Meduri arretrano in difesa, ci sarà l’inserimento di Acquadro. Nel tridente offensivo, oltre ad Arma al centro e Mensah a sinistra, a destra è ballottaggio fra Bariti e Petrella con il primo lievemente favorito. Panchina mini con 18 convocati, fra i quali anche i baby Erman e Pastore, oltre a Perisan, Celestri e Pozzebon. Di fronte, come detto, una Reggiana che senza il black-out di Salò (dal 2-0 al 2-3 in soli otto minuti) sarebbe in lunga serie positiva e che comunque, una volta trovata la quadratura, sembra davvero una formazione poco al di sotto del Padova: centrocampo super con Genevier, Bovo e Carlini, ma occhio anche davanti a tipi come Altinier e Cesarini. Uscire da Reggio con qualche punto, per una Triestina con tutti questi acciacchi, sarebbe davvero un bel regalo di fine anno per tutti i tifosi.
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro