Quotidiani locali

Vai alla pagina su Triestina calcio
Triestina, festa verso il centenario

Triestina

CALCIO SERIE C

Triestina, festa verso il centenario

Alabardati di ieri e di oggi salutano il Comitato Unione

TRIESTE. Il popolo alabardato si ritrova al gran completo per spegnere idealmente le 99 candeline sulla torta dell’Unione. La cornice è la sala stampa del Rocco testimone in un quarto di secolo dei momenti di gioia (nell’epoca Berti) ma anche di quelli deprimenti delle retrocessioni, le delusioni per le mancate vittorie e lo sgomento dei fallimenti. Da Godeas ad Allegretti, da Costantini al “sindaco” Birtig e poi i fratelli Rocco e molti altri protagonisti della storia della Triestina non hanno voluto mancare all’appuntamento.
C’erano anche i due curatori fallimentari Turazza e Vernì che hanno dato il loro contributo nei recenti momenti più bui. Ma soprattutto c’erano tanti tifosi di ieri e di oggi a salutare la prima uscita pubblica del Comitato Unione costituito dai Club, dalla Curva Furlan e dalla società per accompagnare la Triestina al centenario. È una festa che dallo start di ieri arriverà al traguardo del 18 dicembre del prossimo anno (anche se gli eventi proseguiranno fino a febbraio del ’19). La passione incarnata dai tifosi alabardati è il filo che lega le vicende di quasi un secolo di vita di una società che grazie a quell’energia è stata tenuta in vita quando sembrava che l’Unione fosse destinata all’estinzione. Esserci a festeggiare un compleanno che colloca questa entità sportiva nella storia è già un gran traguardo. Il ruolo dei tifosi non a caso viene riconosciuto dall’assessore comunale Giorgio Rossi, da Emiliano Edera per la Regione e da Giorgio Brandolin numero uno del Coni.
Ma gli attori attuali (da Milanese, a Marassi, a Campanale e alle istituzioni) sanno anche che quella del centenario è un’occasione unica per una città che si è sempre identificata con la sua massima espressione calcistica. C’è un marchio Triestina 100 che grifferà tutte le iniziative del Comitato. Intanto, a partire da gennaio, sarà organizzato un evento al mese (il giorno 18) per tenere desta l’attenzione in attesa dei botti di “fine secolo”.
È un impegno molto oneroso sul piano organizzativo con l’obiettivo di rinverdire i fasti e le cadute dell’Alabarda intrecciate ai destini di una città «per natura sempre in movimento» come l’ha definita il professor Spazzali, tifoso e curatore dell’aspetto storico di questo cammino. Uno dei documenti (c’è anche un libro di testomianze curato da Giovanni Proiettis) attraverso i quali si ripercorrerà la storia, che troverà il suo punto più alto nella mostra allestita al salone degli incanti, è un docu-film (con immagini inedite) realizzato da Dario Roccavini.
Ma i ricordi saranno i tasselli per riallacciare il legame tra la Triestina e chi l’ha un po’ abbandonata negli ultimi anni e anche per coinvolgere le nuove generazioni alle quali sono rivolte iniziative più leggere come una serie di concorsi rivolti alle scuole ed eventi sportivi (fra i quali quello rievocativo del derby con il Ponziana e la finale a Trieste del Trofeo Rocco di Gradisca).
«Vorrei rivedere la felicità di tifare Unione di un’intera città come succedeva quando ero bambino» è l’obiettivo di Mauro Milanese, l’ultimo a raccogliere assieme a Mario Biasin, il testimone della staffetta partita dai pionieri del Bar Rossetti nel 1918.
I ragazzi della Triestina giocheranno con una maglia speciale, i Club saranno in prima linea anche con iniziative di beneficenza (intanto è in vendita il calendario alabardato 2018) ma nel lungo percorso saranno coinvolte anche altre realtà cittadine che hanno già aderito. I commercianti coloreranno le loro vetrine di biancorosso

mentre c’è già l’ok dell’Svbg per creare un evento assieme alla Barcolana che, ironia della sorte, compie il prossimo anno il suo mezzo secolo.
Insomma tutta la città può trarre beneficio da un evento unico. A patto che ci sia sintonia tra tutti. Nel nome dell’Unione. Auguri.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon