Quotidiani locali

Baby Iovane più Bussi Rimonta Domio in 10 Il primato è blindato

Ripresa per cuori forti: Isonzo avanti con Bragagnolo su rigore e con l’uomo in più per il doppio giallo a Lapaine. Ma non basta

SAN DORLIGO DELLA VALLE. Tre palle inattive decidono il risultato di Domio - Isonzo San Pier e fanno pender l’ago della bilancia dal lato dei padroni di casa, che vincono in rimonta e pure in dieci. Con questi tre punti i biancoverdi di Rocco Quagliariello ritrovano la vetta solitaria, a prescindere da quello che farà il Chiarbola Ponziana (ora a meno cinque) nel posticipo recupero del derby con il Primorec.

Nel primo tempo si gioca soprattutto a centrocampo: i locali vorrebbero tessere maggiormente la loro tela ma l’undici di mister Bandini si conferma complesso tosto, grintoso, ordinato, ben disposto e anche fisico. Tanto che finora ha incassato ben pochi gol. E nel “batti e ribatti” dei primi 45’ non ci sono occasioni particolari. L’unica annotazione arriva praticamente al 7’, quando una punizione di Lapaine dai 20 metri è bloccata in presa – sotto la traversa – dal portiere Alessandria. E sempre al 7’, ma della ripresa, ecco un altro spunto casalingo. Tremul imbecca Rovtar, la cui mira è di poco alta. Ci vorrebbe un episodio, un’azione da palla inattiva appunto, per sbloccare la situazione. E infatti, al 15’, un rigore rasoterra di Bragagnolo porta avanti gli ospiti. Un penalty conquistato da Pasian con un’incursione in contropiede sulla sinistra, contrastata in area da Bussi con una mossa punita dall’arbitro Gambin di Udine. Dieci minuti e il Domio, a caccia del modo di scardinare l’attenta difesa isontina, accusa l’espulsione di Lapaine per due gialli. Con l’uomo in meno i locali impattano al 37’ con il 2000 Iovane (attaccante subentrato con il piglio giusto e bravo nel muoversi davanti), che anticipa tutti sul primo palo e infila di testa il corner di Rovtar. Poi il 2-1, al 45’: punizione dal limite sinistro di Puzzer, respinta
di Alessandria e Bussi indovina il pallonetto giusto. Sei i minuti di recupero e i tentativi finali da ambedue le parti non sono incisivi. Da annotare allora, in casa Isonzo, la seconda ammonizione ad Anzolin (46’) e il rosso diretto a Cardini (49’).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon