Quotidiani locali

IL CONCORSO

De Rose tra i "grandi" dello sport italiano

Riconoscimento per la stagione del campione della Trieste Tuffi

TRIESTE. Un 2017 da favola. Che potrebbe essere coronato da un riconoscimento di grande significato, in quanto assegnato in base (soprattutto) alle votazioni del pubblico sul sito internet del più importante quotidiano sportivo italiano, www.gazzetta.it.
Alessandro De Rose, il tuffatore dalle grandi altezze cosentino ma triestino d’adozione che a luglio ha vinto la tappa di Polignano delle Red Bull Cliff Diving World Series e una settimana dopo la medaglia di bronzo ai Mondiali di Nuoto a Budapest nei tuffi dai 27 metri per poi chiudere il circuito mondiale con il terzo posto nella tappa in Cile e il quarto posto nella classifica finale, è infatti in finale nella sezione “Exploit dell’anno” dei Gazzetta Sports Awards. Non solo, a ieri sera era primo davanti a un campione popolare come il pilota della MotoGp Andrea Dovizioso e alla ginnasta romena ma friulana di adozione Alexandra Agiurgiuculese: il 45% di voti per il ragazzo della Trieste Tuffi, il 33% per il centauro romagnolo e il 22% per la farfalla dell’Asu Udine.
«Essere davanti a un campione come “Dovi”, ...appena appena un po’ più famoso di me! È davvero una situazione incredibile, non ci credo - commenta Alessandro De Rose -. Anche perché non ho nemmeno telefonato a tutti gli amici per farmi pubblicità. Ma adesso lo farò: c’è tempo fino all’11 dicembre, farò una campagna implacabile. Altro che il “Vota Antonio, vota Antonio, vota Antonio” di Totò: vota Alessandro, vota Alessandro, vota Alessandro!»
Inizialmente i candidati al premio erano otto, poi rimasti tre dopo una prima scrematura. «Il Dovi era notissimo anche a me, ma ho scoperto così Alexandra Agiurgiuculese e sono andato a vedere su YouTube qualche sua gara. Volete sapere la verità? Mi ha davvero emozionato!» racconta con grande sportività Alessandro: «Ma anch’io - aggiunge il ragazzo della Trieste Tuffi - spero di regalare emozioni quando mi tuffo dai 27 metri!»
Lui in questi giorni è a Strasburgo dove da un mese ha trasferito il suo quartier generale con l’allenatrice Nicole Belsasso, mentre a Trieste lo aspetta anche l’altro allenatore Emilio Vidal Ratia. In Francia si sta dedicando soprattutto alla fisioterapia in quanto convalescente da una piccola operazione a una gamba. «Ho comunque già ripreso a tuffarmi e a lavorare in acqua, anche se al momento faccio solo piccole cose». Come è lavorare a Strasburgo? Beh, non c’è la bora, ma non c’è neanche il mare... In compenso c’è un ottimo impianto dove abbiamo trovato la piena collaborazione da parte di tutti. Sia chiaro, comunque: la piscina di Trieste non ha niente da invidiare!»
Gli Sport Awards della Gazzetta prevedono anche le sezioni Uomo dell’anno, Donna dell’anno, Allenatore dell’anno, Squadra

dell’anno, Performance dell’anno, Paralimpico dell’anno e Fair Play dell’anno. Votazioni aperte fino a lunedì, ma poi sarà una giuria della Gazzetta a dire l’ultima parola sui premi che saranno consegnati il 12 dicembre in una manifestazione che sarà poi trasmessa il sabato successivo su La7.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista