Quotidiani locali

Vai alla pagina su Triestina calcio
Triestina, contro le ultime solo due punti

Triestina

calcio serie c 

Triestina, contro le ultime solo due punti

I risultati modesti con Teramo, Santarcangelo e Fano pesano sulla classifica di una squadra cui manca la continuità

TRIESTE Per una squadra costruita quasi totalmente da zero come la Triestina, tra l’altro in una nuova categoria, e con uno staff tecnico nuovo, gli alti e bassi non sono solo comprensibili, ma anche fisiologici. Se ricordiamo i proclami estivi di dirigenza e staff, erano quelli di voler costruire una squadra spigliata, divertente, capace di dare fastidio a tutti. E su questo, senza ombra di dubbio, i tifosi alabardati possono essere soddisfatti.

L’Unione ha vinto contro avversari quotati, è stata protagonista di grandi imprese su campi difficili e ha messo in grande difficoltà il Padova capolista a casa sua. Ma l’altra faccia della medaglia, forse figlia del già noto tormentone tattico delle difficoltà contro squadre chiuse che intasano gli spazi, è che la Triestina un po’ di rimpianti purtroppo ce li ha.

C’è un dato chiaro e per certi versi clamoroso che lo certifica: contro le ultime tre in classifica, ovvero Teramo, Santarcangelo e Fano, la squadra alabardata ha raccolto la miseria di 2 punti in tre partite. E due di questi incontri sono stati giocati al Rocco. Bruciano ancora infatti i pareggi interni contro Teramo e Santarcangelo, mentre la cocente sconfitta di Fano è storia recente di questi giorni.

Sta di fatto che in queste tre partite contro le ultime del girone, la Triestina ha lasciato per strada addirittura 7 punti sui 9 potenziali. E sono tanti, tantissimi, in un girone dove a parte il Padova in fuga, l’equilibrio regna sovrano con molte squadre racchiuse nello spazio di pochi punti. Basti pensare che con quei 7 punti lasciati a squadre che finora ne hanno fatto pochini, la squadra di Sannino sarebbe addirittura seconda solitaria in classifica. Se poi sommiamo il punto perso allo scadere a Mestre e l’altro pari interno con il Sudtirol, ecco che i rimpianti aumentano ulteriormente.

Insomma, la Triestina non poteva certo essere nella scia del Padova, però fra le prime tre della classe sì. I motivi delle difficoltà con le piccole? Uno è stato già citato, ovvero la fatica che, per le caratteristiche dei suoi giocatori, l’Unione fa contro squadre abbottonate, che tendono a chiudersi con molti uomini dietro la palla, come spesso avviene al Rocco.

Ma c’è l’impressione, e il ko di Fano ne è un esempio, che c’è qualcosa da limare anche a livello di atteggiamento e mentalità. La carica e il furore agonistico di certe partite di cartello sono difficili da replicare contro squadre che non vanno

per la maggiore e che, forse, non solleticano a sufficienza certi stimoli. E poi è anche una questione di continuità, o di incapacità di tenere alta la tensione. Se finora la Triestina non è mai riuscita a vincere due partite consecutive, un motivo ci sarà.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista