Quotidiani locali

Eccellenza, il Kras precipita nella zona play-out

La dirigenza: «Situazione inaspettata serve un cambio di mentalità». Brusca frenata del San Luigi

MONRUPINO. E' ufficialmente allarme rosso in casa Kras Repen. Dopo il capitombolo casalingo con il Fontanafredda, il team allenato da Radenko Knezevic è entrato nella zona play-out del campionato di Eccellenza. Un epilogo indubbiamente non previsto ad inizio estate, dal quale però ora è inutile nascondersi. «Siamo in difficoltà, questo oramai visibile a tutti. Per la prima volta ci capita di essere nelle zone basse della graduatoria nel campionato di Eccellenza. Credo che solamente il duro lavoro e un cambio di mentalità potranno aiutarci per uscire da questa situazione», racconta il dirigente carsolino Tullio Simeoni. Ma anche evidente che il Kras Repen deve correre ai ripari cercando di pescare dal cilindro qualche buon giocatore nel mercatino di riparazione. In primis la squadra di Monrupino ha bisogno di un finalizzatore. Il nome di Ciriello, di proprietà del San Luigi e liberatosi dopo la breve esperienza in prestito al Cjarlins Muzane, è sicuramente quello su cui puntare in attacco. Ma la società sta puntando anche a reperire un centrocampista che possa dar man forte ad una zona del campo in cui troppo spesso i ragazzi del presidente Goran Kocman hanno dimostrato di far fatica. «Non dimentichiamo poi che stiamo attendendo il rientro di Baskera: a gennaio l'esterno alto sloveno dovrebbe essere dei nostri", puntualizza Simeoni. Intanto in casa San Luigi ci si lecca le ferite dopo l'ampia sconfitta patita a Cordenons. «E' stata una batosta per certi versi meritata: l'atteggiamento troppo blando non mi è affatto piaciuto», racconta il direttore sportivo biancoverde Maurizio Cespa. Quanto può essere pesato il fatto di aver battuto i friulani nei due match di Coppa Italia? «Può essere in effetti che abbia influito sul nostro approccio. Diciamo comunque che abbiamo anche pagato una situazione tattica particolare con un modulo spregiudicato, un 4-2-3-1 che in effetti non ha dato i suoi frutti», aggiunge Cespa. Soprattutto nel primo tempo i biancoverdi non sono piaciuti: «Anche perché abbiamo regalato tre gol. Poi nella ripresa qualcosa è cambiato. Diciamo che c'è un po' di rammarico per quel gol di Muiesan annullato per fuorigioco dall'arbitro non visto però dal guardialinee. Ma cambia poco. Non abbiamo giocato bene quindi giusta la sconfitta».

La classifica: Chions 34, Lumignacco 32, Gemonese e San Luigi 23, Torviscosa e Lignano 21, Ronchi 20, Cordenons 19, Tricesimo 17, Fontanafredda 16, Brian,
Manzanese e Kras Repen 14, Corno 13, Ol3 10, Union 4.

Il prossimo turno: Lignano-San Luigi, Torviscosa-Kras Repen, Ronchi-Chions, Fontanafredda-Ol3, Gemonese-Cordenons, Tricesimo-Manzanese, Union Pasiano-Edmondo Brian, Virtus Corno-Lumignacco.

Riccardo Tosques

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon