Quotidiani locali

baseball 

Redipuglia festeggia, i Rangers in serie A

La formazione di coach Pantoja piega lo Junior Parma e ritrova il palcoscenico della seconda divisione nazionale

REDIPUGLIA. Missione compiuta. I Rangers Redipuglia tornano nella serie A del baseball. I redipugliesi hanno risposto presente all’appello e non hanno sbagliato il colpo. Contro lo Junior Parma gara 3 è stata a senso unico, mentre la successiva è stata un susseguirsi di emozioni. Due vittorie che lanciano la formazione bisiaca nella serie A 2018 e di bissare la straordinaria stagione scorsa, anche quella fregiata dalla promozione in A e dalla conquista della Coppa Italia.

In una meravigliosa cornice di pubblico, il primo incontro parte con 2 punti del Parma, ma i Rangers rispondono con 5 che poi incrementeranno fino a essere 19. Polo, con cinque ottimi inning e un Ermacora senza sbavature mettono in cassaforte il risultato sul 19-3. L’ampia vittoria non permette sonni tranquilli ai Rangers memori dell’andata dei play-off. Gianluca Tonzar torna a dar manforte ai compagni in gara4. Dopo la prima parte di studio, il lavoro svolto dallo staff tecnico sull’aspetto mentale emerge al quinto inning pirotecnico con 5 punti che rompono l’inerzia della partita: da inseguitori, i Rangers passano in testa e hanno l’opportunità di gestire il vantaggio. Lo Junior tenta l’arrembaggio più volte ma la strada viene bloccata da un magistrale Girotto sul monte che conquista la vittoria lanciando la gara completa in 114 lanci e da una difesa impeccabile con capitan Cechet sugli scudi, autore di tre prese spettacolari, una più complessa dell’altra. Girotto “spegne la luce” e il pubblico trattiene il sospiro finché all’ultimo inning si vive in un’atmosfera quasi spettrale: tra un lancio e l’altro il silenzio spettrale del pubblico nasconde tutta la passione e gli sforzi che la squadra ha compiuto per arrivare a vivere questo momento e gli spettatori lo vivono come fosse loro. Fallacara per il primo out, Cechet per il secondo. Le urla si strozzano in gola quando la palla si impenna. Capitan Cechet intercetta abilmente al volo la sfera e la pressione diventa gioia, la tensione diventa sorriso e il Sacrario vede dall’alto due righe bianche, su di un fazzoletto di terra rossa, adornato di verde con casacche rossoblù che si abbracciano e gioiscono. Il finale sarà di 5-2.

Il vicepresidente della Fibs, Fabrizio De Robbio consegna nelle mani di Cechet la targa commemorativa della promozione e cominciano i festeggiamenti.

Il successo è il corollario di una stagione strepitosa, chiusa con 31 vittorie su 34 partite e frutto di un grande lavoro frutto di un grande lavoro di squadra. Frank Pantoja conferma ancora una volta di essere uno dei migliori allenatori in circolazione per capacità tecniche, tattiche e di gestione del gruppo plasmandolo dalla preparazione invernale fino all’ultima partita, dissipando la pressione che rischiava di compromettere la prestazione e instaurando un equilibrio forgiando uno spogliatoio solido e compatto. I suoi collaboratori, Andrea Bazzarini, Ivan
Mederos, Tamayo Herrera Jorge Silvano e Jordano Collado, hanno lavorato in sinergia per far crescere i giovani e migliorare i più esperti.

Ultimo appuntamento della stagione sarà domenica 22 ottobre in campo a Redipuglia per la festa di fine anno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista