Quotidiani locali

I tifosi: «Ora più abbonati»

«La squadra dà spettacolo, la società ha investito. Serve un’accelerazione»

TRIESTE . Tra i gruppetti sempre più folti di tifosi che assistono agli allenamenti alabardati, ma anche nelle tante discussioni che proliferano sul web, l’argomento principale di questi giorni è il numero di abbonamenti certamente insoddisfacente fatto registrare finora. Agli aficionados della Triestina, non aver raggiunto ancora nemmeno quota 2mila tessere stagionali, sembra veramente incredibile considerati gli sforzi della società per salire in C e allestire una squadra competitiva, e vista la spettacolare partenza sprint della compagine guidata da Sannino. E così fioccano incitamenti e appelli di ogni tipo. A farsi portavoce di questi sentimenti è Sergio Marassi, presidente del Centro di coordinamento: «Io credo che dopo quanto visto nel primo tempo in casa con la Reggiana e dopo il risultato eclatante di Ravenna, questa squadra abbia ormai acquisito una credibilità indiscutibile. Adesso bisogna che la gente risponda, perché se non lo fa adesso quando lo farà? È inammissibile avere in questo momento meno abbonamenti dello scorso anno: giochiamo in un campionato più importante, è un calcio diverso, abbiamo già capito che quest’anno andare allo stadio sarà un divertimento perché per quanto si possa vincere o perdere, questa è una squadra votata allo spettacolo». Per tutti questi motivi, l’appello di Marassi assume toni forti: «Per me finora il numero di abbonamenti è ridicolo, in società credo ci sia delusione e non ho una percezione immediata che il risultato di Ravenna abbia accelerato di chissà quanto l’afflusso. Questa società ha speso tanto: dov’è la tanto decantata passione per il calcio di Trieste? Non lamentiamoci se dopo la gente molla e va via, perché anche i tifosi devono dare la loro mano. Contro la Reggiana c’è stata un’ottima risposta a livello di presenze con 5mila spettatori, ma rispetto a questi gli abbonamenti sono troppo pochi. E non riesco a spiegarmi il perché. Non possono essere solo le file dei primi giorni, perché quelle sono scemate e ora si sta pochissimo tempo». Insomma nonostante i segnali non proprio confortanti, Marassi si aspetta da questi ultimi giorni di campagna un deciso salto di qualità: «Dopo Ravenna mi aspetterei un altro migliaio di abbonamenti, ma visti i tempi ristretti cerchiamo di raggiungere almeno quota 2500. Capisco che gli ultimi anni hanno fatto danni incredibili, ma ora c’è chi tira fuori i soldi addirittura dall’Australia, cerchiamo di essergli riconoscenti. Dopo tutti questi anni di calcio mediocre ora abbiamo giocatori validi capaci di fare una cosa da record come 5 gol in mezz’ora in trasferta. Tutti i media anche nazionali parlano bene della Triestina, vediamo di seguirla».

BIGLIETTI. Intanto c’è una novità riguardo la prevendita dei biglietti.

Oltre che presso la sede alabardata (fino a sabato orario 9-13 e 15-19) e tramite l’ormai collaudata vendita on line (il link preciso per la partita è il seguente: https://www.diyticket.it/events/sport/591/triestina-sudtirol),
da questo pomeriggio si potranno acquistare i biglietti per Triestina-Sudtirol anche presso il Centro di coordinamento di via dei Macelli. Il Centro resterà aperto oggi con orario 16-19, domani e venerdì 9-12 e 16-19, sabato e domenica 9-12.

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista