Quotidiani locali

Cormonese, il Mian cade la prima volta Il “killer” è l’Isonzo

I “corsari” costruiscono il meritato successo nei primi 30’ della ripresa. Ai locali non basta un finale aggressivo

CORMONS. Cade per la prima volta in stagione il fortino dello Stadio Mian. A portarsi via i tre punti è un Isonzo che nei 30’ iniziali della ripresa costruisce un successo meritatissimo con un calcio di nuovo spumeggiante e convincente. Non basta alla Cormonese un finale col coltello tra i denti e l'uomo in più: il maggior tasso tecnico rivale fa la differenza, anche se il giocatore più forte in campo - il solito, sontuoso D'Odorico - vestiva grigiorosso. Partita bella e avvincente dall'inizio: al 3' una punizione per l'Isonzo spaventa la Cormonese, con Brusini che si salva in mischia. Altro acuto ospite al 19': l'ex di turno Sangiovanni lancia in area Bragagnolo, che a tu per tu con Brusini da posizione defilata si fa murare in corner. Quando la pressione degli uomini di Tomizza aumenta, clamorosamente sono i locali a passare: è il 38' quando Matteo Losetti pennella una punizione insidiosissima, che rimbalza davanti a Poian ingannandolo.

È l'1-0 che sembra svoltare la partita ma il vantaggio dura solo otto minuti: cross dalla destra di un indiavolato Grion e colpo di testa vincente da due passi di Piccolo. Si va così al riposo in parità. Al rientro dagli spogliatoi si capisce che piega prenderà l'incontro: a imporre ritmi altissimi è l’Isonzo, che al 4' costringe Brusini al tuffo in corner con una girata di Matteo Cuzzolin dal limite. E sugli sviluppi dello stesso angolo arriva il vantaggio, con il colpo di testa da due passi di Grion. L'Isonzo gioca alla grande e ha in Sangiovanni il proprio faro: al 14' costringe Brusini all'ennesimo miracolo, mentre al 27' coglie il palo in scivolata da due passi. Il legno lo prende anche al 29', ma sul tap-in successivo prima Brusini mura Marco Cuzzolin: sul decisivo tocco da due passi di Grion è 3-1. La partita prova a riaprirla D'Odorico: al 26' s’inventa una discesa irresistibile facendo fuori tutta la difesa rivale in dribbling e porgendo al solissimo Pizzamiglio il più comodo dei gol. Il 3-2 però da lì in poi non cambia più. L'unico neo di una partita

splendida? L'indegna gazzarra scatenata da due spettatori sulle tribune a metà ripresa: solo per l'intervento tempestivo del presidente della Cormonese Skocaj non sono venuti alle mani. A certe persone non dovrebbe semplicemente essere permesso entrare negli stadi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro