Quotidiani locali

San Luigi-Triestina al Rocco, oggi derby e festa

Fiscio d'inizio alle 16. Il presidente dei biancoverdi Peruzzo: «Per noi è una sfida ma anche per tutta la città»

TRIESTE. Si è scomodata anche la bora alla vigilia del derby. È di casa a Trieste, figuriamoci a San Luigi. Bora e roba (il gioco è facile) da matti. Matti, perché chi avrebbe mai pensato che il San Luigi potesse confrontarsi con la Triestina in Eccellenza?

Il sintetico di via Felluga è tagliato in tre fette. Si allenano gli allievi, i giovanissimi e gli esordienti.

Sarebbe stato bello vedere il derby sul campo di via Felluga. Bello e impossibile. Perché almeno 300-400 auto e un migliaio e passa di tifosi (pur pacifici) avrebbero paralizzato un rione. Il San Luigi oggi alle 16 giocherà al Rocco in casa sua ma nello stadio della Triestina. Ma il Rocco è la casa del calcio triestino e non solo. È costato oltre 60 miliardi di vecchie lire ai cittadini. Costa al Comune oltre 500 mila euro l’anno. I trecento ragazzini biancoverdi saranno sugli spalti della cattedrale e poi sfileranno durante l’intervallo. Trecento ragazzini (e bambini)e alcuni dei loro predecessori (scudetto juniores nel 2004) saranno in campo, sono il risultato di oltre trent’anni di lavoro. La Triestina che ha un blasone quasi centenario è rinata un mese fa. Con la casacca dell’Unione quest’anno giocheranno una cinquantina di bambini (pulcini e piccoli amici) che stanno imparando a calciare un pallone grazie ai sapienti consigli di Bruno Rocco. Il San Luigi schiererà dieci triestini. La Triestina forse tre. Ma per chi tiferanno i tifosi? Roba da matti. Anzi, roba vera. Si spera che il Rocco sia preservato dagli insulti.

«Da una settimana stiamo affrontando una sfida - dice l’inossidabile presidente del San Luigi Ezio Peruzzo -. E lavoriamo perché la partita con la Triestina sia una festa per la città. Non c’è rivalità come succedeva quarant’anni fa nel derby con il Ponziana. Ma sia chiaro: auguro alla Triestina di vincere il campionato ma questa volta dobbiamo vincere noi».

Altri tempi quelli del derby con il Ponziana. Da una parte il popolo, dall’altra i benestanti o sedicenti tali. Ora in campo ci saranno i ragazzi del San Luigi che fino all’anno scorso (e probabilmente oggi concluso il derby) hanno tifato per l’Unione. E sugli spalti (non certo gremiti da ventimila persone ma da parecchi tifosi) succederà lo stesso. Si ritroveranno tutti, alcuni un po’ spaesati, davanti a una birra nei due chioschi (o al bar) allestiti con il placet delle autorità proprio dal San Luigi.

Nella società di Peruzzo ci sono tanti volontari: «Siamo oltre cento persone per seguire tutti questi ragazzi». La Triestina ha quattro soci, un po’ di sponsor e soprattutto migliaia di tifosi che la amano e si sono sbattuti per acquistare un marchio (traguardo parziale) e per stimolare l’acquisto delle tessere (arrivate oltre quota 1.200).

Tante energie, tante persone che questo pomeriggio si ritroveranno nel catino del Rocco. Tante energie che potevano essere indirizzate in modo più sapiente per tenere la Triestina nel mondo dei pro. Ma il San Luigi in questo momento ha qualcosa in più della Triestina. Perché ha un passato e un futuro. Mentre l’Unione deve trovare una sua identità. E la può trovare anche attraverso la partita-evento di oggi. Al San Luigi non interessa la serie D nonostante sia reduce da tre ottimi campionati in Eccellenza. L’Unione deve risalire, nonostante appena oggi possa sfoggiare la gloriosa alabarda sulle sue maglie. Ma la Triestina oggi è l’eredità di una cattiva gestione, o meglio della speculazione che anima il circo dei professionisti del pallone. Il San Luigi è invece una realtà costruita con pazienza da un nucleo di persone. Da questa partita tutti avremo qualcosa da imparare. Vinca il migliore. Anzi vinca il calcio, vincano tutti i tifosi e soprattutto vinca la città. Ce n’è davvero bisogno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Piccolo
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana