Quotidiani locali

Cormons si candida a sede delle azzurre del calcio femminile

CORMONS. Cormons la Coverciano del calcio femminile. È un’ipotesi per nulla utopistica quella che nasce all’indomani del saluto che le autorità politiche e sportive del territorio hanno dato alle...

CORMONS. Cormons la Coverciano del calcio femminile. È un’ipotesi per nulla utopistica quella che nasce all’indomani del saluto che le autorità politiche e sportive del territorio hanno dato alle Nazionali femminili Under 20 di Italia ed Argentina, entrambe partite alla volta del Giappone rispettivamente dopo due settimane e sette giorni di ritiro premondiale nell’Isontino.

L’idea è nata dopo che il ct della Nazionale azzurra Corrado Corradini, nel ringraziare gli organizzatori che hanno garantito “una perfetta ospitalità” alle azzurrine, ha proposto a vertici politici e sportivi locali di organizzare in futuro match di qualificazione ai prossimi Mondiali femminili. Insomma, Cormons potrebbe diventare uno dei punti di riferimento chiave del calcio italiano in rosa: «Siamo stati accolti benissimo sia a novembre, quando abbiamo scoperto questi magnifici posti che io avevo conosciuto solo tramite i racconti del mio amico Dino Zoff – ha sottolineato Corradini – sia ora, in queste due settimane intense di allenamenti e partite. A Cormons ci troviamo ormai come a casa: per questo propongo a tutti che qui si possano ospitare degli incontri di qualificazione al Mondiale femminile nel prossimo futuro. Ne parlerò in Federazione se ho il vostro benestare».

Via libera che è stato ovviamente immediato da parte del vicepresidente del Coni provinciale Franco Tommasini (anche sindaco di Gradisca, la città che ha invece ospitato altrettanto splendidamente la Nazionale argentina), dal sindaco di Cormons Luciano Patat e dall’assessore provinciale allo Sport Sara Vito. E l’obiettivo neanche tanto celato è a questo punto un sogno: «Sarebbe bellissimo se Cormons diventasse una sorta di Coverciano del calcio femminile – auspica l’assessore allo Sport del Comune di Cormons Giorgio Cattarin – ma per il momento pensiamo a far sì che l’Italia possa tornare per disputare altri incontri internazionali, stavolta in match ufficiali e non solo amichevoli». Le azzurrine infatti hanno giocato sabato contro l’Argentina a Gradisca vincendo con un rocambolesco 4-3, mentre qualche giorno prima avevano largamente battuto una rappresentativa locale. L’altra sera invece l’Argentina a Cormons ha subissato di gol l’Under 18 slovena: 5-0 il finale.

Apprezzamenti sinceri per l’ottima ospitalità manifestata da Gradisca, Cormons e l’intero Isontino alla sua Nazionale anche da Salvatore Stumbo, numero uno della Federazione calcistica femminile argentina e del numero due della Federazione slovena, Franz Kopetin. Si chiude quindi il sipario su una quindici giorni davvero entusiasmante per il calcio femminile isontino, anche se un’altra faccia della medaglia purtroppo c’è: la chiusura dell’attività dell’unica società calcistica al femminile in provincia, quella Pro Farra che non potrà più reggere l’impegno economico necessario a garantire lo svolgimento dell’attività alle ragazze. Un fatto su cui le autorità sportive e calcistiche locali dovranno riflettere a lungo, per un movimento in continua espansione che però non è esente da problemi anche piuttosto grossi.

Matteo Femia

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Il Piccolo
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.