Quotidiani locali

Barcolana, un circuito per gli eventi della vela

Da Trieste si punta a un rapporto con manifestazioni inglesi, francesi e olandesi. Presentata l’edizione 2012 della regata: la sicurezza viaggerà con gli sms

TRIESTE. La Barcolana guarda al Nord Europa, a tre grandi feste della vela che si svolgono in Inghilterra (la Cowes week in agosto), Francia (Les toonnerres de Brest, a luglio) e in Olanda (la Sail Amsterdam, tra fine luglio e inizio agosto) per unirsi a loro in una sorta di fil-rouge dei grandi eventi europei del mare. Da Cowes a Brest, da Amsterdam a Trieste l’idea comune è quella di essere punto di riferimento per i velisti dei singoli paesi (e non solo) mettendo in acqua flotte dai numeri sempre e comunque impressionanti, anche se poi in ogni singola manifestazione ci sono caratteristiche specifiche e l’amore per la vela viene declinato in maniera originale. Alla Sail, nella baia di Ij, al fianco dei velieri storici sfilano in parata barche di ogni classe per quella che è la manifestazione pubblica con più spettatori di tutta l’Olanda, mentre in Inghilterra la settimana di Cowes propone fino a 40 regate al giorno per un migliaio di concorrenti. E in Francia il rombo dei cannoni di Brest saluta il raduno di oltre 1500 imbarcazioni di ogni dimensione. Ma Trieste è l’unica, con la Barcolana, a mettere fianco fianco, nella medesima regata, dai maxi alle passere. «Ecco, l’idea - conferma il presidente della Società velica di Barcola e Grignano Vincenzo Spina – è quella di creare una sosta di circuito europeo dei grandi eventi velici».

La Barcolana 2012 in sms Ieri, in casa delle Generali, main sponsor dell’evento, presentazione ufficiale della Barcolana numero 44, in programma come sempre la seconda domenica di ottobre, e quindi, quest’anno, il 14 ottobre. Nessuna novità viene annunciata per quel che riguarda il tracciato di 16,5 miglia mentre il comitato di regata - ha annunciato il direttore sportivo Daniele Robba - lancia l’uso intensivo degli sms per la comunicazione. Sms che serviranno per fornire ogni tipo di informazione agli iscritti, sms che serviranno per la gestione delle proteste (sarà attivato anche un “comitato di conciliazione” quale organo di primo grado prima di giungere innanzi ai giudici), sms che verranno utilizzati anche dai concorrenti per comunicare il momento di passaggio del traguardo, con l’indicazione della barca che precede e che segue per aiutare nella formulazione delle classifiche.

Due gusci con la vela rossa Lo ha disegnato Francesca Sgariboldi, ventenne allieva dell’Accademia di Belle Arti di Brera ed è il poster 2012 della Barcolana numero 44. Due gusci di noce, due stuzzicadenti, due cartoncini di carta rossi a fare da vela. La proposta di Francesca Sgariboldi (che ha così vinto una borsa di studio) ha colpito per la sua semplicità che al tempo stesso riassume con straordinaria efficacia lo spirito della Barcolana. Lo ha spiegato la stessa Francesca, emozionatissima: «Così come io ho vinto con due gusci di noce, chiunque può partecipare alla Barcolana e, chissà, magari anche pensare di vincere, con un “guscio” qualsiasi...»

Novità sulle Rive Mentre sono in corso quelle che potrebbero essere definite trattative diplomatiche per risolvere la questione dell’attracco di una nave da crociera alla Marittima il sabato della Barcolana (ma la massima disponibilità a risolvere al meglio la questione è stata espressa da tutte le parti interessate), già si parla di programma. Ecco allora che in mare, davanti alle Rive, faranno il loro debutto i kytesurf che, è noto, da Rio de Janeiro 2016, diventaranno non solo classe olimpica, ma potrebbero (anzi: dovrebbero, a meno di - auspicabili - ripensamenti) scalzare il wind surf maschile. Si trasferiranno invece a Barcola (è non è la “Barcolana”?) gli optimist della Barcolina, protagonisti nel week end del 6 e 7 ottobre. Novità ci saranno anche per quel che riguarda il Villaggio Barcolana (che peraltro dovrà rivedere i propri spazi per la concomitanza della toccata della Costa crociere) che vuole puntare maggiormente sulla specificità del mondo della vela.

I partner Barcolana Cambia, come annunciato ieri dal Piccolo, la griffe della polo Barcolana: la novità è firmata Gaastra, marchio olandese già specializzato in partnership con eventi velici di assoluto livello in tutta Europa (tra cui anche la citata Sail Amsterdam). Il nuovo rapporto - con l’illustrazione del catalogo Barcolana 2012 - sarà ufficialmente presentato in una prossima occasione. Viene invece confermato il rapporto con la Elan, il cantiere sloveno che già abbina al proprio marchio il logo della Barcolana in tutte le manifestazioni fieristiche cui partecipa. E per il 2012 la Elan ha annunciato un’iniziativa che non mancherà di solleticare la fantasia dei velisti: tra tutti gli iscritti alla Barcolana verrà infatti estratta una barca a vela, un Elan 21.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

In edicola

Sfoglia il Piccolo
su tutti i tuoi
schermi digitali. Il primo mese è gratis.

Abbonati Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana