Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 10 agosto 2018

Il carabiniere di 25 anni che al clochard scalzo, fermato per furto, ha regalato dei sandali. Elena, che disegna oggetti per cantanti, come lo sgabello usato in concerto da Laura Pausini. Riaz, fornaio pakistano a Prato, che guida la protesta del pane. Ecco le notizie dai quotidiani locali del Gruppo Gedi

La guerra del pane in Toscana: «Senza ferie, pausa pranzo e diritti: ecco la vita di un fornaio pakistano»
Prato. Riaz Moshin è uno degli operai che guida la protesta a Prato: «Ci vengono dati i turni peggiori, non abbiamo in 8 ore di lavoro una pausa pranzo. E se qualcuno di noi del Sì Cobas fa anche un minimo errore riceviamo una lettera di protesta. Alla terza rischiamo il licenziamento. Non ho paura per i lividi che mi ha fatto la polizia mentre protestavo di fronte al panificio. Non ho neanche paura di perdere il lavoro. Ma dopo tanti anni ho imparato a leggere l’italiano e so quali sono i miei diritti. E darò battaglia fino a che non saranno rispettati». (Tirreno)

Il salasso del volo Trieste-Roma
Trieste. Essere periferici costa caro. E quando si parla di trasporti, chi utilizza l’aereo per raggiungere Roma e Milano per lavoro sa bene che un viaggio organizzato all’ultimo momento possa comportare una spesa salatissima: 650 euro se prenotato il giorno prima. Gli incastri last minute possono poi arrivare anche a 900. (Piccolo)

Gestione profughi, indagato anche il prefetto vicario di Padova
Padova. Sette persone indagate. Tra queste il prefetto vicario di Padova, Pa- squale Aversa, e la funzionaria (ora nella prefettura di Bologna in seguito a un’altra grana giudizia- ria) Tiziana Quintario, 58enne di Monselice. Le accuse, che coinvol- gono anche i vertici della coop Ede- co, riguardano la gestione degli ap- palti per i centri di accoglienza dei migranti. (Mattino di Padova)

«Mi procuri per cena bottiglie pregiate». Il ristoratore ci casca e compra imitazioni
Pisa. Ci sono un uomo e una donna che girano le varie province della Toscan cercando di mettere a segno qualche colpo. Un raggiro di alcune centinaia di euro, capace di mettere in crisi e di affossare il bilancio mensile di un locale medio. È quella che chiamano "la truffa del vino francese", attraverso cui si spacciano mediocri bottiglie da discount per rari Bordeaux d'annata. (Tirreno)

Annullata l'assunzione della ricercatrice. È la moglie di un prof del dipartimento
Pisa. Il messaggio della magistratura è cristallino: l'assunzione della moglie di un professore di ruolo nello stesso dipartimento del coniuge va contro la legge.Lei, Micaela Sgorbini, 47 anni, di Viareggio, aveva vinto la selezione da ricercatrice nello stesso dipartimento in cui insegna il marito, Michele Corazza, da anni docente di ruolo. Un'esclusa, Alessandra Gavazza, 50 anni, di Livorno, aveva fatto ricorso al Tar per contestare la violazione della legge Gelmini che vieta l'assunzione di parenti. (Tirreno)

10 ragazzi in ospedale per intossicazione ma era un attacco di panico collettivo
Vada. Sono finiti all'ospedale in dieci, tutti per una presunta intossicazione da cibo. Poi, con le verifiche dei medici ed il trascorrere dei tempo, è emerso che con probabilità i giovani sono rimasti molto suggestionati dal malore di una amica.Paura alla Mazzanta, nella notte fra mercoledì e ieri, per un gruppo di quindici minorenni tedeschi fra gli 11 e i 14 anni. (Tirreno)

Il faro è un resort. Punta Fenaio è il primo in Italia ad aprire ai clienti
Isola del Giglio. Il faro di Punta Fenaio all'isola del Giglio apre i battenti e batte tutti sul tempo. È il primo faro italiano a spalancare le porte nell'ambito del bando demaniale Valore Fari, progetto nazionale lanciato nel 2015 per restituire vita alle vecchie sentinelle del mare, ormai abbandonate.(Tirreno)

Elena, la designer dei cantanti. Suo lo sgabello della Pausini
Mantova. Elena Rogna, quarantuno anni, mantovana di Asola, si potrebbe definire l'artista degli artisti. Medley, così si chiama il suo sgabello in legno e vernice nera, prodotto a Brescia, che ha disegnato per Laura Pausini, ha debuttato nei concerti a Roma al Circo Massimo e in giro per il mondo prima di essere utilizzato nel lungo tour italiano che partirà il prossimo 8 settembre a Milano. (Gazzetta di Mantova)

Ferma clochard per furto e gli regala dei sandali: «Aveva i piedi distrutti era un dovere aiutarlo»
Modena. Cesare Pesaro è un carabiniere di 25 anni. In un supermercato in zona stazione ha fermato un clochard che aveva rubato della merce. «Mi ha fatto vedere cosa aveva rubato, un po' di roba da mangiare, nascosta dentro ad uno dei suoi borsoni e poi mi ha mostrato una crema. Quel flacone, mi ha detto, gli serviva per i piedi. Era scalzo, non aveva le scarpe. E allora ho preso dei sandali e glieli ho regalati». (Gazzetta di Modena)

Lascia il cane chiuso in auto e va a fare la spesa: multato
Reggio Emilia. Non ha protestato, anzi nel ricevere il verbale della multa ha ringraziato gli agenti: «Così la prossima volta mi ricordo». Una reazione che fa onore a un cittadino reggiano che ha ammesso di aver sbagliato nel dimenticare in macchina, a finestrini sigillati e sotto il sole cocente, il suo cane, un Border collie. (Gazzetta di Reggio)

Mamma morta dopo il parto gemellare, la Procura non apre alcuna inchiesta
Treviso. Sarà deciso solo nelle prossime ore se disporre un'autopsia per fare luce sulla morte di Maria Buso, la mamma di 39 anni morta mercoledì all'ospedale Ca' Foncello dopo aver dato alla luce due gemellini. La Procura infatti attende di capire le intenzioni della famiglia della donna che ieri hanno comunque preso contatto con un'impresa di pompe funebri per celebrare lunedì prossimo il funerale. L'ospedale: il decesso a causa di una infezione batterica. (Tribuna di Treviso)

Samantha cerca Luca dopo vent’anni: «Lui era di Mestre»
Venezia. Cercasi Luca disperatamente. Lo ha conosciuto vent’anni fa, correva l’anno 1998, alla discoteca Odissea di Spresiano. Quel ragazzo mestrino bel- lo dagli occhi scuri e i capelli castani, non lo ha mai dimenticato. Samantha Vizentin, croata di origine, ha messo un annuncio sui social.

Servizio cure palliative. A Trieste un solo medico a fronte di 550 pazienti
Trieste. Una sola dottoressa per 550 pazienti, con quasi 1.900 visite domiciliari all'anno. Sono i numeri del servizio delle cure palliative dell'AsuiTs. Un servizio che si fa carico come noto dell'assistenza a persone alle prese con patologie gravissime (nella maggioranza dei casi malati oncologici), e che appare però pesantemente sottodimensionato rispetto a quanto previsto dalle coordinate operative. (Piccolo)

L'avventura di Alice: a piedi per 800 km con due asini
Udine. Due mesi di viaggio, ottocento chilometri da percorrere sotto il sole, tra strade e boschi, in compagnia di due asini. Una bella impresa quella di Alice Zbinden, 56 enne svizzera che da Neblo, piccolo paesino al confine con l'ex valico di Vencò,

tornerà a piedi verso la sua città natale Berna, assieme ai due muli comprati da un allevatore sloveno. Un cammino che non è passato inosservato a molti friulani che sui social hanno condiviso questa insolita "attraversata" tra le campagne della nostra provincia. (Messaggero Veneto)

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro