Quotidiani locali

Gerusalemme capitale, rivolta palestinese. Un morto a Gaza

Oltre 750 feriti durante le manifestazioni in Cisgiordania contro l'annuncio di Donald Trump. I razzi di Hamas, la risposta di Israele contro le basi del partito fa almeno 10 feriti. L'Onu si esprime contro il Tycoon: "Gerusalemme capitale di due stati"

TEL AVIV. La tensione è esplosa oggi nei Territori palestinesi, anche se per ora non a Gerusalemme, dopo l'annuncio di Trump sulla città capitale di Israele: il bilancio degli scontri con l'esercito israeliano ha visto il primo palestinese morto, a Gaza, e oltre 750 feriti in Cisgiordania, secondo i dati della Mezzaluna rossa. E mentre dalla Striscia il capo di Hamas Ismail Haniyeh ha promesso che «la Santa Intifada» non si fermerà con le manifestazioni di oggi, nel sud di Israele è tornato, per due volte, l'allarme razzi, con l'Iron Dome - il sistema antimissili - che ne ha intercettato uno. Lo Stato ebraico ha reagito con colpi di cannone e raid aerei su basi di Hamas, tra cui un campo di addestramento e un deposito di munizioni causando, secondo fonti locali, almeno 10 feriti.

Cisgiordania: scontri in piazza a Betlemme e Ramallah nella "giornata della collera" Le forze dell'ordine israeliane hanno lanciato gas lacrimogeni contro i manifestanti che sono scesi in strada a Betlemme dopo la decisione del presidene americano Trump di spostare l'ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme. Disordini simili, nella "giornata della collera", sono scoppiati anche a Ramallah

L'Onu: "Gerusalemme capitale di due stati".  Tutto il mondo arabo è in rivolta contro la mossa delì presidente Usa, a cominciare dal Grande Imam della moschea di Al Ahzar al Cairo, Ahmed Al Tayyib, massima espressione dell'islam sunnita. Suo l'appello a leader e governi dei paesi del mondo islamico e all'Onu a "fermare Trump". Dal Palazzo di Vetro, in una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza, l'Onu si è schierato per Gerusalemme capitale di 2 Stati, avvertendo che la scelta di Trump «minaccia la pace». Anche l'Europa si è mossa e il capo della diplomazia della Ue, Federica Mogherini, ha invitato il presidente palestinese Abu Mazen ad andare a Bruxelles per partecipare al prossimo Consiglio degli Esteri Ue a gennaio prossimo. Un appuntamento che seguirà - se confermato - il viaggio a Bruxelles nelle prossime settimane del premier Benyamin Netanyahu. La mossa europea ha offerto una sponda ad Abu Mazen, in pressing diplomatico sui leader mondiali (Russia compresa) a contrasto della scelta americana. La leadership palestinese ha fatto trapelare che difficilmente Abu Mazen incontrerà il prossimo 19 dicembre il vice presidente Usa Mike Pence, in visita nella regione; ma fonti statunitensi hanno invitato i palestinesi a non disertare l'incontro. E il segretario di Stato Usa Rex Tillerson ha spiegato che per il trasferimento dell'ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme ci vorranno almeno due anni.

Un palestinese ucciso a Gaza. Per ora a parlare sono però le violenze: da Betlemme a Ramallah, da Hebron, a Nablus, Qalqilya, a Gaza, migliaia di persone si sono riversati nelle strade per le proteste lanciando pietre, bottiglie incendiarie e pneumatici in fiamme contro le forze di sicurezza, mentre a Gerusalemme la situazione è apparsa più calma all'uscita delle preghiere del venerdì - tanto temute alla vigilia - sulla Spianata delle Moschee. Questo non ha impedito scaramucce con bandiere israeliane date alle fiamme e slogan del tipo «la guerra si sta avvicinando, Al Quds (Gerusalemme) è araba». Degli oltre 750 feriti, secondo i dati del pronto soccorso palestinese, 61 sono stati raggiunti da colpi di arma da fuoco dell'esercito. A Gaza, nei pressi della barriera di separazione con Israele dove si erano assembrati i manifestanti, c'è stato il primo morto: Mahmoud al-Masri (30 anni) - ha detto il locale ministero della Sanità - «è stato ucciso dalle forze dell'occupazione a est di Khan Younis». «Né Trump né alcun altro potrà cambiare la verità storica, geografica e l'identità della Città Santa. Sogna chi pensa che tutto si esaurirà con le manifestazioni», ha avvertito minaccioso il leader di Hamas.

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon