Rigassificatore, il caso Kraus Sel: «Chiarisca o si dimetta»

Terremoto nella maggioranza dopo le dichiarazioni del nuovo assessore allo Sviluppo economico (peraltro non ancora insediato). La difesa di Cosolini

    di Gabriella Ziani

    Esordio alla grande per il nuovo assessore allo Sviluppo economico della giunta Cosolini, Edi Kraus. Non è nemmeno entrato nella sala ovale e già è al centro di tutte le attenzioni: qualcuno della maggioranza comunale è pronto a chiederne le dimissioni. Diventa celebre in poche ore, l’imprenditore Kraus, per aver affermato come prima cosa che il rigassificatore sarebbe una buona opportunità economica per Trieste.

    Proprio adesso che il fronte del “no” (di cui il Comune è la pattuglia di testa) si è incredibilmente compattato, dopo il fondamentale parere negativo dell’Autorità portuale, asseverato perfino dalla Regione. Sel con la sua segreteria provinciale si dice “esterrefatta” e guida la rivolta, chiedendo «una ferma e dettagliata precisazione da parte della Giunta comunale, in seguito alla quale si riserva di valutare - dice la nota del partito che esprime l’assessore all’Ambiente, Umberto Laureni - le più opportune azioni da intraprendere, compresa, in caso di mancata smentita del neoassessore, la richiesta di dimissioni dello stesso».

    Per Laureni sono solo «considerazioni personali», per il sindaco «la classica tempesta triestina in un bicchier d’acqua», ma Sel dice che le considerazioni dell’assessore «contrastano in modo stridente con tutta la condotta fin qui tenuta in merito dalla Giunta Cosolini», giudica le affermazioni di Kraus sui benefici che l’impianto avrebbe per Trieste di «disarmante superficialità», nota l’assenza di «una parola sulla sicurezza della città, sul futuro inquinamento del mare e sulle conseguenze negative sui traffici portuali: l’assessore Kraus dimentica che la città è un porto».

    Laureni non commenta Sel, ma prende le distanze da Kraus: «È una legittima opinione personale, nettamente contraria è l’opinione della Giunta, che poggia su quattro delibere approvate e un ricorso al Tar. A ultima riprova, proprio nello stesso giorno in cui avveniva la nomina di Kraus - prosegue Laureni - il sindaco ha firmato un nuovo documento in risposta al ministero dell’Ambiente che chiedeva un parere sui documenti inviati dall’Autorità portuale, per completare il nuovo procedimento di Via. La risposta al ministero è che l’Autorità portuale ha perfettamente ragione, che è noto come ci sia in Italia un generale minor fabbisogno di gas, che l’Italia non ha ancora un piano dell’energia su cui far base, e che anche gli Usa pensano di dirottare quantitativi di gas in Europa. Piuttosto - è l’opinione dell’assessore - dobbiamo subito formalmente intervenire a Bruxelles dove il ministro Passera sta cercando di far passare come “strategico” l’impianto di Zaule: discutibili passi in avanti da parte di un governo dimissionario, non si può agire con un colpo di mano».

    Il sindaco Roberto Cosolini prima di tutto quieta la platea, difende il neonominato e ne prende però le distanze: «È la classica tempesta in un bicchier d’acqua, Kraus dice che “in generale” i rigassificatori servono, prende atto che la città è contraria, e riconosce che esistono dubbi sulla eventuale collocazione dell’impianto. Peraltro nella sua bella intervista ha messo a fuoco i nodi dello sviluppo di Trieste e le sue criticità: far esplodere tempeste su una posizione personale è come non voler vedere il resto».

    Ma poi Cosolini tira fuori le unghie di fronte alla minaccia di Sel, e così anche marca più nettamente la presa di distanza dalle “opinioni personali”: «Qualcuno - afferma -, quando non ha voluto ascoltare il sindaco, ha detto che una coalizione non è una caserma. Oggi a mia volta ricordo lo stesso concetto. Si può esprimere un punto di vista, senza che questo cambi la linea del Comune. Noto - conclude il sindaco -, che tutti chiedono assessori autonomi, esperti, competenti, con un “pedigree” il meno possibile segnato dall’appartenenza politica. Ma poi, non appena proprio per questo esprimono un punto di vista, tutti pronti a gridare “aiuto, aiuto”».

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    25 marzo 2013

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Consigli per tornare in forma dopo Pasqua

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ