Studente in infradito cacciato dall’esame

L’episodio avvenuto a Scienze diplomatiche e internazionali di via Alviano Il direttore del polo Gabassi: abbigliamento inadatto, che sa tanto di balneare

    Si presenta all'esame in pantaloncini e infradito, viene rispedito a casa per la tenuta poco consona all'appuntamento. È quanto è successo a Gorizia, e più precisamente in una delle aule d'esame della facoltà di Scienze internazionali e diplomatiche nella sede dell’Università di Trieste. Non si trattava dunque di un provino o un test di bon ton ed eleganza, ma di un esame universitario. Poco importa, la sostanza non cambia. Perché se è vero che l'abito non fa (quasi mai) il monaco, è innegabile che ogni luogo e ogni occasione vogliono una presenza adeguata. Niente che abbia a che fare con moda o marchi firmati, ma piuttosto una questione di buon gusto e rispetto.

    E così, a quanto pare – i dettagli della vicenda non sono chiari, così come non è noto quali siano i protagonisti – all'università di via Alviano non si impara solamente ciò che è scritto sui libri, ma anche a sapersi comportare. Alla scuola dell'obbligo, ed anche alle superiori, non è raro sentire di presidi che diramano circolari in cui vietano questo o quell'indumento, o anche piercing e tatuaggi in bella vista. Ma all'università, fino ad ora, è sempre stata altra storia. Almeno fino ad oggi.

    «Non conosco la dinamica di questo episodio in particolare, ma posso assicurare che non si trattava di una sessione di laurea, e quindi era probabilmente un semplice esame -– dice il direttore del polo didattico di via Alviano, Piergiorgio Gabassi -. Non ci trovo nulla di particolarmente strano, visto che anche a me è capitato, senza umiliare assolutamente nessuno, di invitare qualche studente ad andare a casa a cambiarsi perché vestito in modo non adeguato all'occasione. L'infradito dà particolarmente fastidio perché porta con se una concezione decisamente “balneare” della situazione, ma per quanto mi riguarda anche i calzoncini corti, nei ragazzi, sono orrendi a vedersi: li abolirei».

    Nelle ragazze la questione è meno evidente, ma anche in questo caso «quando si presentano delle studentesse particolarmente scamiciate, le invitiamo a darsi un certo tono». Quello che ha coinvolto lo studente in infradito, comunque, non sarebbe un caso isolato. «Ho assistito anche io ad una scena del genere – dice un ragazzo veneto che studia a Gorizia - con il professore che ha chiesto ad alcuni miei compagni che si erano presentati in pantaloncini corti a un esame di tornare a casa e cambiarsi». «È una questione di rispetto - aggiunge una studentessa goriziana -. Vedo molte ragazze che vanno agli esami con gli shorts, ma io non lo farei mai. Per ogni luogo c'è una tenuta adatta».

    Marco Bisiach

    30 luglio 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Come gestire gli attacchi di fame

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ