Di stanza a Gorizia il carabiniere rapito in Yemen

Alessandro Spadotto, friulano di 29 anni, appartiene al 13.mo Battaglione. Era giunto a Sanaa da appena tre settimane con l’incarico di addetto alla sicurezza dell’Ambasciata italiana. Prelevato in centro da uomini armati. Le autorità yemenite: “Faremo di tutto per liberarlo”

    Il governo di Sanaa ha promesso che farà tutto il possibile per rintracciare i rapitori e liberare il carabiniere friulano sequestrato domenica a Sanaa. Lo ha detto personalmente al giornale yemenita Al Thawra il ministro degli Esteri, Abu Bakr al Qirbi, che domenica sera ha avuto una lunga conversazione telefonica con il responsabile della Farnesina, Giulio Terzi. Qirbi, il quale ha assicurato che le ricerche sono cominciate immediatamente. ha ricordato che i sequestri sono "da condannare", sono "rifiutati da tutti i cittadini yemeniti e anche vietati dall'Islam"

    Come anticipato dal quotidiano La Stampa di Torino, il carabiniere, il ventinovenne di San Vito al Tagliamento Alessandro Spadotto, in forza al tredicesimo Battaglione dei carabinieri di stanzxa a Gorizia, era in Yemen da appena tre settimane come capo della sicurezza dell'ambasciata italiana; ed è stato prelevato nel quartiere diplomatico, nei pressi della legazione. I rapimenti degli stranieri sono piuttosto frequenti in Yemen, di solito realizzati da membri di tribù che utilizzano gli ostaggi per fare pressioni sul governo. "Se è così, avremo la conferma a breve", spiega William Strangio, capo missione InterSos in Yemen, raggiunto telefonicamente. "Di solito - spiega - i rapitori si fanno sentire nel giro di due/tre giorni e spesso chiedono la liberazione di un membro di tribù in prigione".

    Ma non sempre è così: "È accaduto nel passato che gli ostaggi vengano scambiati con qualche gruppo terroristico. A marzo è stato rapito un diplomatico saudita (il vice-console nella città di Aden, Abdallah al-Khalidi; ndr) da criminali comuni legati a gruppi tribali, ma dopo qualche tempo l'ostaggio è stato venduto a un gruppo vicino ad al-Qaeda; e il console non è ancora stato rilasciato". Nel maggio scorso, l'ambasciatore bulgaro yemenita, Boris Borisov, rimase ferito nel maggio scorso da un gruppo di uomini armati che tentavano di rapirlo nel centro di Sanaa.

    Spadotto è un veterano della missioni all'estero: da tre anni viene assegnato con regolarità a destinazioni fuori dall'Italia, anche in Paesi particolarmente a rischio. Lui risiede a San Vito al Tagliamento e fa base al Battaglione di Gorizia; la sua famiglia invece è di origine padovana.

    30 luglio 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Barrette di riso soffiato e albicocche secche

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ