Giunta regionale, Garlatti si dimette. Tondo lo nomina nel cda Insiel

L’annuncio delle dimissioni è stato dato dal governatore in aula durante il Consiglio regionale. Il presidente terrà “l’interim”

    TRIESTE La giunta Tondo perde pezzi. Il presidente del Friuli Venezia Giulia Renzo Tondo ha annunciato nell’aula del Consiglio regionale, le dimissioni dell’assessore Andrea Garlatti dalla giunta regionale. Le deleghe dell’assessore - alla Funzione pubblica, Autonomie locali e Coordinamento delle riforme - rimarranno a Tondo, per il momento. «Assumerò a interim per un brevissimo periodo le deleghe», ha detto Tondo, precisando che la giunta sarà composta da otto assessori fino alla fine della legislatura. «Garlatti mi ha preannunciato le sue dimissioni dall’incarico - ha detto Tondo - in virtù di un percorso assegnato e portato a compimento. Desidero ringraziare Garlatti per il lavoro svolto».

    E Garlatti interviene a stretto giro di posta, in merito alle polemiche scoppiate in aula dopo l’annuncio di Tondo. «Il problema del vitalizio non si pone, non chiederò il riscatto» ha precisato l’assessore dimissionario. «Mi ha dato fastidio - ha affermato, nell’aula del Consiglio regionale - sentire che sarei rimasto fino a questo punto per i vitalizi». Garlatti ha ringraziato il Consiglio «per il lavoro fatto insieme, seppure in ruoli diversi. È stata - ha concluso - un’esperienza istruttiva, ritengo giunta a un livello di completamento».

    Durante una conferenza stampa tenuta da Tondo insieme a Garlatti, il governatore ha anche annunciato la nomina dell'assessore dimissionario nel cda di Insiel, la società informatica della Regione.

    28 giugno 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Come gestire gli attacchi di fame

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ